E’ il momento di pensare al Giglio – 2

E’ il momento di pensare al Giglio – 2

La strada oltre che percorrerla è luogo di incontri e di soste, in una di queste mi sono state riferite altre chicche, le quali se provate sono di una gravità estrema, di alcune prove verbali ci sono di altre sarà il caso che sia chi di dovere che indaghi.

La prima, che personalmente identifico come concorrenza sleale, è quella di spargere la voce che per usufruire dei taxi per andare nelle spiagge che non esistono, vedi Cannelle, Arenella e via mare le Caldane, si arrivi a spendere 80 euro, intendo chiedere a colei che SPARGE QUESTA VOCE, non solo di ritrattare e anche pubblicamente, ma di esporre un cartello con i prezzi dei taxi del Giglio.

L’art. 2600 c.c. impone il risarcimento del danno per gli atti di concorrenza sleale compiuti con dolo o colpa.

Lo so che non sono molto amata, ma questo non mi impedisce di essere quella che sono, non ho mai corrotto ne mai mi farò corrompere, non ho mai disprezzato il lavoro del mio concorrente, prova ne fu che quando il mio nemico-amico Silio che in quel tempo faceva il barcaiolo, come Ruggero e gli altri, visto la mole di gente che trasportavamo alle spiagge, decise di abbassare il prezzo della tratta di 2 euro, io continuavo a lavorare lui purtroppo sempre meno, questo per far capire che spesso non è il prezzo che conta ma chi hai davanti, chi sa offrire oltre al servizio qualcosa in più, basta anche un sorriso un gesto gentile quel poco che fa la differenza.

Perciò chiunque arriva al Giglio per lavorare si dia una regolata, rispetti chi c’era prima di loro, non pensi di arrivare e con mezzucci da “TOPI DI FOGNA” si vogliono allargare, pensando di portare via il lavoro agli altri. Questo sig. Sindaco dovrebbe essere una sua battaglia per il giglio e per i gigliesi a cui lei dice di tenere particolarmente.

CONSIDERATEMI PURE RAZZISTA, MA PRIMA DEGLI ALTRI E DEGLI ULTIMI ARRIVATI CI SONO I COMMERCIANTI E TUTTI GLI OPERATORI DELL’ISOLA CHE DA ANNI LAVORANO PER DARE QUEL QUALCOSA IN PIU’, DOPO MA MOLTO DOPO GLI ULTIMI.

Print Friendly, PDF & Email

Controlla anche

silvio beretta isola del giglio giglionews

Un ricordo per Silvio

Un ricordo per Silvio “Un amico è la cosa più preziosa che tu possa avere …

Un commento

  1. Maurizio Scholl

    Cara Franca,
    Lei mi è simpatica. Non so’ proprio chi sparge veleni e a qual pro. Che io ricordi la cartina del Giglio con le spiagge ed i vari servizi bus/taxi stradali/taxi boat/motorini etc… sono disponibili e ben visibili su tutti i traghetti che collegano l’Isola al continente.
    Mi sembra difficile che il turista occasionale non legga e si faccia infinocchiare dal primo che passa ( almeno che non provenga dalla Val Brembana).

    Colgo l’occasione per un paio di lamentele, tanto per rendermi ancora più antipatico:

    Giusto la settimana scorsa ho affittato un appartamento per le figlie e amici, poco più che maggiorenni. Hanno affittato una barca e si sono persi l’ancora. Una vergogna per me. Mai perso un ancora in vita mia. Non potendo disincagliare l’ancorotto vi hanno legato un parabordo per segnalare la posizione. Al loro rientro il barcaiolo gli ha chiesto 90 euro per il danno. Li per li non ci ho fatto caso. Un ancorotto da 4-5 kg costa 15-20 euro. 20 metri di cima da ferramenta poco meno. Mettiamoci pure un “grillo” sono altri 5 euro. Totale 40-50 euro. Il resto cattiva pubblicità per il rilancio del Giglio. IMHO
    Tanto per dirla tutta e per scusarmi con l’agenzia…hanno lasciato l’appartamento in ritardo. Sono andati a dormire alle tre di notte e non sapevano che l’appartamento doveva essere lasciato entro le 10.00

    Seconda lamentela: la stazione taxi terrestri regna nella totale anarchia. Chi urla e spintona di più passa primo. Che ci vuole a fare un corridoio per una fila civile. Nel resto del mondo è assolutamente naturale e spontaneo. E non ci sarebbe nemmeno bisogno di creare un corridoio. Basterebbe una linea gialla sull’asfalto ed un cartello.

Lascia un commento