Riduzione TARI per attività aperte almeno 9 mesi

Riduzione TARI per attività aperte almeno 9 mesi

Come già anticipato nella nota stampa del consigliere Mibelli, il Consiglio Comunale dello scorso 31 Marzo 2017 ha approvato le tariffe dei rifiuti per l’anno 2017, prevedendo risparmi e sgravi per alcune categorie di utenze.

In allegato si riporta il modello di autocertificazione riduzione tari 2017 per tutte le attività aperte almeno 9 mesi all’anno. Il presente modello dovrà essere debitamente compilato e presentato all’ufficio protocollo del Comune di Isola del Giglio.

L’autocertificazione, accompagnata dal documento di identità del dichiarante, deve essere consegnata entro e non oltre il 30 giugno p.v., pena la perdita del diritto alla riduzione. E’ valido solo per l’anno 2017.

riduzione tari comune isola del giglio giglionews

 

Print Friendly, PDF & Email

Controlla anche

pulizia fondali relazione quindicinale gabbianara costa concordia isola del giglio giglionews

Pulizia fondali: relazione quindicinale 16 – 31 Ottobre 2017

Pulizia fondali: relazione quindicinale 16 – 31 Ottobre 2017 Pubblichiamo di seguito la relazione quindicinale, …

3 commenti

  1. Gian Piero Calchetti

    Gentile Signor Coppa, constato, con sorpresa, che, mentre non ha dato alcuna risposta a quanto chiedevo, in merito al Suo appello per il Comitato dei Festeggiamenti di San Mamiliano, definendosi,”modestamente”, per non dir altro, “figura istituzionale”, entri, “a piedi pari”, ed in modo del tutto improprio, sulle mie considerazione, di semplice buon senso, circa il “Provvedimento-Mibelli”.
    Sono, infatti, assai stupito che mi tiri, per cosi’ dire, le orecchie, in merito alla conoscenza della TARI, uno come Lei, che, stando a quel che scrive, dimostra, quantomeno, di non conoscerla per quanto riguarda le attività commerciali, visto che ignora, semplicemente, il fatto che e’, appunto, nei cassonetti che finiscono i rifiuti degli “esercizi” di pubblica vendita.
    Se, poi, per caso, vuol anche, un po’ saccentemente, farmi rilevare la diversa fattispecie tra TARI per le famiglie e Tari per gli esercizi, cosa che ben so, questa diversità, non toglie nemmeno una virgola, a quanto ho scritto, per altro, con un po’ d’ironia, circa le disparità che il provvedimento in questione viene a determinare. E questo ancorché ne condivida le motivazioni.

  2. Signor Calchetti, due domande: “ma Lei sa come viene calcolata la TARI?”
    “Si calcola in base a quanti rifiuti butta al cassonetto o in base ai mq dell’abitazione e in più al numero del nucleo familiare?”
    Saluti

  3. Gian Piero Calchetti

    Siccome tenere aperta la sede delle proprie attività commerciali, credo implichi, a meno che qualcuno non possegga virtù divinatorie, il fatto che si producano, per forza di cose, maggiori quantità di rifiuti, mi pare che, non ostante il provvedimento dell’Amministrazione comunale, sia stato certamente indotto dalle migliori intenzioni promozionali, in termini di frequentazione turistica dell’isola, costituisca, di fatto, un’evidente contraddizione. Ossia, per essere più chiaro e’ contraddittorio che si riduca una Tassa sui Rifiuti, qualora se ne produca di più , invece che di meno. Sempre a mio modestissimo parere, per, come si usa dire, “non farsi ridere dietro”, non sarebbe male che l’Assessore Mibelli, naturalmente per conto dell’Amministrazione, “ritirasse” il provvedimento, già emanato, e studiasse una qualche altra specie d'”incentivo”.
    Questo, soprattutto alla luce del fatto che (altra contraddizione in termini) , al cospetto di questa specie di “bonus”, c’e’ gente, che possiede casa al Giglio e che, magari, non venendoci da anni, ovvero, solo saltuariamente, perché “foresto”, si vede, da tempo, progressivamente aumentare la TARI, senza produrre rifiuti o producendone in piccolissime quantità rispetto ai residenti.

Lascia un commento