franca melis isola del giglio giglionews

“I fondali devastati”

“I fondali devastati”

Il tempo dicono che sia galantuomo e renda giustizia. Non avrei mai voluto questo, oggi a distanza di 5 anni abbiamo un catafalco davanti all’isola che come minimo, se riuscirà, resterà altri 2 anni. Le promesse non mantenute, le continue dilazioni nel tempo cercando giustificazioni, oggi da un’altra parte veniamo a sapere come stanno in parte le cose.

Noi in casa nostra siamo tenuti in così poca considerazione? La gente si rallegra per la condanna di Schettino, io invece piango per la condanna dell’isola alla devastazione dei nostri fondali, all’impossibilità di godersi ogni angolo dell’isola. All’impossibilità che sarebbe tornato tutto a posto. complimenti per aver portato via la nave, ma avete lasciato il disastro.

Alla famosa riunione sul porto dove i vertici Costa si vantavano di aver messo in mani sicure il ripristino, che sarebbe tornato se non proprio come prima, ma quasi, oggi li vorrei qui davanti. Comunque non finisce qui, non si può sempre stare zitti, faremo domande ben precise a chi di dovere, visto che le piattaforme erano deturpanti per i fondali, quello che resta non lo è? Intorno alle piattaforme si stava già ricreando la vita, oggi, almeno per ora, sembra che sia poco fattibile che nel giro di poco si possa avere questo. Non credo che si possa mettere anche questo a tacere, perciò seguirò passo passo tutto ciò che accadrà nei prossimi mesi.  

franca melis 

fondali devastati isola del giglio giglionews

Controlla anche

sindacato posta postino poste isola del giglio giglionews

Disservizio distribuzione posta: la Minoranza interroga

GRUPPO DI MINORANZA CONSILIARE “PROGETTO GIGLIO” Ill.mo Sig. Sindaco del Comune di Isola del Giglio …

2 commenti

  1. Pietro Rinaldi

    Voci che volano col vento che, dopo aver alzato i capelli di 4-5 persone si dissolvono nel nulla !!! E non voglio dire altro, per non ripetere decine di commenti rimasti poi senza discussione . Grazie ovviamente a Franca e agli amici che, almeno, hanno tentato di giocare a tennis contro un muraglione di gomma !!!

  2. Gian Piero Calchetti

    Cara Franca,
    come al solito, sempre attenta e lodevole nelle tue “critiche”. Per fortuna, c’è gente come te che , non avendo peli sulla lingua, senza riserve, dice quel che pensa, per altro, con il necessario concorso documentale a supporto.
    Purtroppo, la vicenda, mi tocca molto, perché, soprattutto, con gli amici Rinaldi e Regolo, avevo, invano, “caldeggiato” che la piattaforma rimanesse, stabilmente, “ancorata” allo scoglio della Gabbianara, come punto di riferimento per molteplici attività, colà’ insediabili, a partire da un’ipotesi di “teleferica” per il Castello, come c’è, da tanti anni a Capri, utile, quantomeno, a ridurre il traffico automobilistico, tra Porto e Castello. Un deferente abbraccio!

Lascia un commento