A “Silvestra”, “Tonino” ed all’isola del Giglio

A “SILVESTRA”, “TONINO”
ED ALL’ISOLA DEL GIGLIO,
CHE SE LO MERITA

tonino ansaldo palio isola del giglio poesia poesie giglionewsVorrei aver
l’incanto di Tonino,
e la purezza antica
delle su’ parole,
che, bianche
e fresche,
quali il lino,
lambiscono
di brezze,
come suole,
ogni contrada,
di chi, l’Estate,
a sera,
sta pe’ strada,
o siede
allo scalino
dell’uscio
ove risiede,
a gustar
l’Ansonico
suo vino.

rullo di tamburi palma silvestri isola del giglio giglionewsOppure,
essere Palma,
io vorrei,
Palma “silvestra”,
detta la “cantora”,
che, rossa,
che più rossa
non si “puole”,
siccome è tanto
gialla la ginestra,
“conta”, soprattutto,
quand’è festa,
le su’ fole,
che san di “Saraceno”
e d’altro ancora,
in ogni loco ameno,
alla controra.

Io che,
con gli anni,
ormai declino,
a questi poeti
Maremmani,
bacio le mani
e pur m’inchino,
a questi du’ poeti
di paese,
che, senz’aspetta’
gloria,
o ave’ pretese,
t’avvincono,
presto e volentieri,
scrivendo,
quest’oggi come ieri,
di fatti, di storie
e di misteri,
che, nel tempo,
han reso
bella e “grande”
un’isola deserta
ed “in mutande”,
siccome mi sovviene,
per le scorribande
saracene,
trasformandola
in un leggiadro
“visibiglio”,
qual è, oggi,
il Giglio,
fatto di cose
sane, belle
rare e buone
siccome si compone
e si scompone,
per lo sprone
d’aver vinto, infine,
il duro “agone”,
che, appo il Trione,
discosto dal portone,
fece, appunto, strame,
delle “lunatiche”
marmaglie maomettane.

Facendoti riviver
l’avventure,
di chi, diseredato
ed immigrato,
senza avere paure,
seppe, faticare,
con “allure”,
in mezzo al mare,
su aspre rocce
dai labili declini,
facendone terrazze
e colli opimi,
ricchi di vigne
ed altre culture,
che, dalle rive,
vanno per l’alture.

M’inchino,
quindi, a questi
e non a quelli,
ossia ai poeti,
“stenterelli”,
quanto obsoleti
di città,
che, seppur,
di lingua colta
e assai forbita,
sostanzialmente,
tirano a campa’,
prendendo, tosto,
il mondo come va,
ignorando il giusto
senso della vita,
che l’isola, invece,
offre a sazietà,
col mare, il sole,
il cibo, il vino
e … la cordialità,
che sono
dello “Scoglio”
l’”erba voglio”,
in un contesto
di solidarietà,
e di tanti, reiterati,
trullallà,
che, in piazza,
se c’e’ un santo
da onora’,
ti fanno stracanta’
e straballa’,
insieme,
ovviamente,
a stramangia’!

Print Friendly, PDF & Email

Controlla anche

Due ritratti di Gaetano Pini

Due ritratti Il 5 agosto p.v. presenterò il mio terzo lavoro letterario: propongo come lettura …

Lascia un commento