luna piena fari faro capelrosso isola del giglio giglionews

A Capel Rosso, con la luna piena

A CAPEL ROSSO, CON LA LUNA PIENA

COL BENEPLACITO
DI DIO,
AVRIA VOLUTO ESSERCI
PUR IO,
DOMENICA NOTTE,
A CAPEL ROSSO,
DOPO MANGIATO
E BEVUTO
A PIU’ NON POSSO.
ESSERCI, APPUNTO,
ANCH’IO,
IN BUONA LENA,
A RIMIRAR LA LUNA
PIENA PIENA,
COLLE STELLE,
CHE “TREMULE E BELLE”,
SEMBRAVANO
TUFFARSI IN MARE,
COME “RAGANELLE”,
TRA SCHIZZI DI SPUMA
FLUORESCENTE,
CH’ERANO
UN INCANTO

EFFERVESCENTE.

MAGARI,
PER CANTARE,
“CHE FAI
TU LUNA IN CIEL,
DIMMI
CHE FAI?”
DIMMI
DOVE VAI?,
COME IL PASTORE
ERRANTE
O IL NAVIGANTE,
CHE, ANIMA INQUIETA,
VAGANDO
SENZA META,
CHIEDE A SELENE,
QUALE VIA
CONVIENE
PER SCANSAR
PROCELLE,
ED EVITAR
BONACCE,
CHE SON
PARI MINACCE
AL LENTO
PROCEDER
DELLE STELLE.

AVRIA, DUNQUE
E COMUNQUE,
VOLUTO
ESSERCI ANCH’IO,
COL BENEPLACITO
DI DIO
E IN BUONA LENA,

A RIMIRAR
LA LUNA, TUTTA
PIENA,
APPO QUEL FARO
ESTREMO,
CHE, MONOCOLO,
QUANTO IL FEROCE
POLIFEMO,
MA, ALTRIMENTI,
RILUCENTE
AI QUATTRO VENTI,
SCRUTANDO
IL LARGO MARE,
TANTA GENTE,
FUOR DI VIA,
NON PER NIENTE,
EBBE A SALVARE,
MIRACOLOSAMENTE,
DA UNA SORTE RIA.

MAGARI STANDO
IMPETTITO
SUI “LASTRONI”
DI GRANITO,
CHE SPROFONDANDO
IN MARE,
SONO UN “MITO”
PER PESCARE,
MA CHE CARPONI
DEI, TOSTO,
LASCIARE
SE SOLO L’ONDA
ACCENNI
AD INGROSSARE.

DI LA’,
ALLA LUNA PIENA,
SAZIO D’ANSONICO
E DI CENA,
IN PACE ED AMISTA’,
COME PERTIENE
A CHI HA
BUON SANGUE
NELLE VENE,
AVRIA, CHIESTO
E RICHIESTO,
SENZ’ALTEZZOSITA’,
CH’E’ M’E’ DIGIUNA,
TANTO CHE POTRIA
PASSARE
PER LA CRUNA,
SE, AD UNO,
COME ME,
SENZA FORTUNA,
CHE, TIENE
L’ETA’, IN CUI,
SOVVIENE,
PENSAR SOVENTE,
SPECIE DI RECENTE,
ALLA DIPARTITA,
DAL MONDO,
DALLA VITA
E DALLA GENTE,
PIU’ CONVIENE
CONTINUARE
IL “GIROTONDO”,
MESTO,
ORMAI,
FATTOSI LESTO,
CUI S’E’ RIDOTTA
LA MIA VITA,
CHE, MAI
“DIVERTITA”,
ORA APPESANTITA,
DA TANTI ACCIACCHI
E GUAI
E’ TUTTA
UNA SALITA,
OVVERO FARLA,
SUBITO,
FINITA,
SENZA INFAMIA,
SENZA ONORI
E SENZA PRECI,
ACCIOCCHE’ L’ALBA,
DALLE DITA DI ROSA
DEI “CANTORI”
GRECI,
SICCOME FA
LA VITALBA,
SILVESTRE,
ALLE GINESTRE,
TUTTO M’AVVOLGA,
SENZA POSA,
DI MAGICI BAGLIORI.

Print Friendly, PDF & Email

Controlla anche

maestra silvana poesia tonino ansaldo isola del giglio giglionews

“Maestra Silvana”: poesia di Tonino Ansaldo

“Maestra Silvana”: poesia di Tonino Ansaldo Una nuova poesia di Tonino Ansaldo che ancora una …

Lascia un commento