Presentato il progetto “Life for Silver Coast”

Presentato il progetto “Life for Silver Coast”

Un rivoluzionario sistema di mobilità sostenibile interesserà nei prossimi anni l’Isola del Giglio, Monte Argentario e Orbetello. I tre comuni, per la prima volta insieme ai cittadini e agli operatori presenti sul territorio, adotteranno un piano innovativo che punta a creare un sistema di spostamenti alternativi ed ecocompatibili. Il progetto pilota Life for Silver Coast”(LSC), finanziato nell’ambito del bando 2016, relativo a LIFE, programma della Commissione europea per l’ambiente e l’azione per il clima, è stato presentato ieri nella Sala Consiliare del Palazzo Municipale di Monte Argentario. Presenti i partner del progetto: Arturo Cerulli, Sindaco del comune ospitante, Andrea Casamenti, Sindaco di Orbetello, Sergio Ortelli, Sindaco di Isola del Giglio, il Prof. Fabio Massimo Frattale Mascioli del Polo per la Mobilità Sostenibile (POMOS) della “Sapienza” Università di Roma Coordinatore e responsabile scientifico del Progetto, Francesco Venturini, Global e‐Solutions Director di Enel SpA, Gian Piero Joime, del Polo per la Mobilità Sostenibile della “Sapienza” Università di Roma e Responsabile relazionali istituzionali, Antonino Tripodi di UNeed.IT e Responsabile degli aspetti tecnici, Riccardo LA LONGA di Green Action e Roberto ORSARIA per Newave.

Soddisfatti i sindaci dei tre comuni coinvolti: “Il progetto – spiega il primo cittadino di Monte Argentario – è molto appropriato per un territorio come il nostro, vocato ad un turismo di qualità. Questa iniziativa in più si propone l’innalzamento della qualità dell’ambiente che da sempre è riconosciuto il bene primario per il nostro sviluppo. Ricordo, prendendo spunto dalla denominazione che è stata data al progetto, silver coast, appunto costa d’argento, il mio auspicio, che prima o poi sono certo si realizzerà, di fare dei comuni partecipanti un comune unico”.

Alle dichiarazioni di Cerulli, fanno eco quelle di Sergio Ortelli, Sindaco di Isola del Giglio: “ Questo progetto rappresenta la prima esperienza di coesione di tre comuni che devono comunicare insieme. Se parliamo oggi, grazie a questo progetto, di turismo sostenibile ed energie rinnovabili siamo sulla buona strada”.: “Siamo molto soddisfatti – aggiunge Andrea Casamenti – di far parte insieme agli altri comuni, di questo progetto, uniti insieme a partner importanti. Un progetto di valenza internazionale che pone il nostro territorio all’avanguardia tecnologica e ambientale. Il tutto sposa la linea e la visione della nostra amministrazione che vede una promozione internazionale e l’implemento di servizi per cittadini e turisti”.

Propositivo e pronto ad avviare tutte le attività previste dal progetto, anche Francesco Venturini: “Per Enel il futuro della mobilità è elettrico. Il nostro paese ha grandi potenzialità per andare in questa direzione e noi siamo pronti a fare la nostra parte. Sono importantissimi progetti come questo, che coniugano mobilità elettrica, pubblica e privata, efficienza energetica e fonti rinnovabili, soprattutto se realizzati in un contesto di grande afflusso turistico che mette insieme a sostenibilità ambientale con i bisogni di cittadini e operatori”.

Il coordinatore di Life for Silver Coast, Fabio Massimo Frattale Mascioli ha aggiunto: “Oggi è il calcio d’inizio di un progetto che coinvolge partner istituzionali e partner industriali in un territorio unico. Questo territorio, con le sue bellezze e peculiarità, è in grado di accogliere e valorizzare una proposta di innovazione tecnologica e ambientale come questa. L’introduzione di un sistema di mobilità elettrica intermodale e delle infrastrutture di supporto sarà utilizzabile dalla popolazione stanziale e promette di attirare un turismo di qualità”.

life for silver coast progetto isola del giglio giglionews

Print Friendly, PDF & Email

Controlla anche

spiaggia scalettino isola del giglio giglionews

Spiaggia Scalettino: temporaneamente vietato l’accesso

Spiaggia Scalettino: temporaneamente vietato l’accesso Nella mattinata di ieri, 12 Agosto, a seguito di un’otturazione …

3 commenti

  1. Franco Ulderigo

    Alto medioevo ancora…stiamo parlando di un’isola con sole mare, vento, maree e chi più ne ha più ne metta che è alimentata totalmente da una centrale che brucia gasolio…in cui si conta un pannello solare su un tetto in tutta l’isola praticamente.. per non parlare del mare e la totale assenza di qualsiasi forma di protezione..

  2. Antonio Malanima

    “Se parliamo oggi, grazie a questo progetto, di turismo sostenibile ed energie rinnovabili siamo sulla buona strada”
    Questo è una parte del commento di Sergio Ortelli SIndaco del Giglio.
    Caro Sergio mi duole sottolineare che siamo in ritardo almeno di 10 anni e tu, onestamente, parli di “buona strada” comprendendo che ne passeranno almeno altri 5.
    Nelle isole Ionie della Grecia, meta alla quale mi sono ultimamente affezionato, nella ormai nota condizione di crisi economica dell’intero paese, sono almeno 10 anni che hanno fatto passi sostanziali verso le rinnovabili attuando sistemi idonei a renderle il più possibile autonome.
    Alcuni anni addietro, insisto, ebbi a caldeggiare questo argomento e mi fu detto che il problema era la Soprindenza che non ama questiinterventi in quanto lesivi delle bellezze del Giglio.
    Perchè le Isole Ionie sono BRUTTE ed è ammesso tutto???? Forse ci sono modi e modi di affrontare i problemi e stabilrne le priorità.
    Mi metto sul fiume, come il cinese, ed aspetto il parere di questo grande organo di potere quale la Soprintendenza di Siena su tutto questo progetto.
    In ogni caso auguro vivamente che sia realizzato prima possibile, magari pensando che tutti i soggetto coinvolti, a partire dal Ministero dell’Ambiente, riescano a dimostrare quali sono gli spetti prioritarì per il mondo intero.
    Saluti
    Saluti

  3. Gian Piero Calchetti

    Aria fritta e “reali” interessi , tutti da definire!

Lascia un commento