Luna Piena al Capel Rosso: escursione lunedì 7 Agosto

Luna Piena al Capel Rosso: escursione lunedì 7 Agosto

La Guida Parco MARINA ALDI e la Società LE ESPERIDI SRL, con il patrocino della PRO LOCO DELL’ISOLA DEL GIGLIO ORGANIZZANO PER LA GIORNATA DI PLENILUNIO DEL 7 AGOSTO 2017, UN’ESCURSIONE A PIEDI FINO AL FARO DEL CAPEL ROSSO, ACCOMPAGNATI DALLA LUCE DEL TRAMONTO PRIMA, E DELLA LUNA E DEL FARO DOPO.

Ritrovo in Piazza Gloriosa a Giglio Castello alle ore 18,35 con mezzo proprio, dove, accompagnati dalla Guida Parco Marina Aldi, si raggiungerà la fine della strada asfaltata panoramica. Lasciati i mezzi, a piedi, tramite breve sentiero, si proseguirà sino al Faro del Capel Rosso, di proprietà della Soc. Le Esperidi, per
la visita guidata della struttura. A seguire, cena nel cortile del Faro a base di Totano con Patate, piatto tipico gigliese, a seguire un dolce, acqua/vino inclusi. Durante la cena, il Tramonto ci saluterà ad ovest e la Luna Piena ad est.

PER INFO E PRENOTAZIONI, CHIAMARE il N. 3771842628 OPPURE IL N. 3358338136

Costo dell’evento € 32,00 a pax adulta, bambini dai 6-12 € 15,00.

Prenotazione cena entro le ore 13:00 di domenica 6 Agosto. Posti limitati max 100 pax

luna piena capel rosso isola del giglio giglionews

Print Friendly, PDF & Email

Controlla anche

aperitivo gigliese faro capel rosso isola del giglio giglionews

“Aperitivo gigliese” al Faro di Capel Rosso

“Aperitivo gigliese” al Faro di Capel Rosso Ogni lunedì del mese di Luglio, Agosto e …

Un commento

  1. Gian Piero Calchetti

    Quasi “Il Sabato del villaggio”

    Ier sera, dì di festa,
    la portafinestra
    ho spalancato
    ed incurante
    del caldo
    che, furente,
    tutti disturba,
    animali e gente,
    e che, ostinato
    e maramaldo,
    se apri
    e non c’è’ vento,
    t’entra dentro ,
    col codazzo
    di zanzare,
    uscito sul terrazzo
    per fumare,
    vinto lo strapazzo
    del “grattare”,
    mi sono soffermato:
    prima, a guardare,
    restandone sgomento,
    la notte ultra serena
    e il firmamento,
    avviluppati,
    e quasi abbarbicati
    alla luna piena,
    che, qual ostia
    siderale,
    sospesa sull’altare
    celestiale,
    pareva stesse
    per “comunicare”
    il mondo
    che, moribondo
    e sciagurato,
    prima di tornare
    ove fu creato,
    ha bisogno
    d’essere salvato;
    poi, ho immaginato
    d’essere, ‘sta notte,
    di sapide “ribotte”,
    a Capelrosso,
    ove, tracannato
    e mangiato
    a più non posso,
    con voi restato
    su quel dosso,
    averei ben rimirato
    quanto bella e pingue
    e surreale appaia,
    da quella “giogaia”
    la splendida “Selena”,
    ovver la “pleniluna”,
    quando, il mare “alluma”,
    mentre, a terra,
    grazie al Giglio
    ed alla sua natura,
    è tutto un profumo
    e tutta una frescura.

Lascia un commento