Tra il serio e il faceto: poesia di Calchetti

serio faceto poesia calchetti isola del giglio giglionews
Tra il serio e il faceto: poesia di Calchetti

Scherzare sulla propria morte aiuta a sentirsi vivi, diceva il Poeta. Aiuta a non prendersi sul serio e a desiderare il meglio per se anche nell’estremo atto della sepoltura. E cosa c’è di meglio che desiderare di riposare al Pianello, su quell’altura da cui si può godere di una meravigliosa vista su Giglio Campese?

Oggi Giampiero Calchetti, innamorato della nostra isola, ci propone in rima questo suo desiderio, tra il serio ed il faceto!

TRA IL SERIO E IL FACETO
(OV’ESSERE SEPOLTO)

UN GIORNO, PRESTO,
COM’E’ NATURALE,
IN CASA MIA,
O, PER SORTE RIA,
NELL’OSPEDALE,
SE REDUCE DAL MALE,
MESTO, MESTO
ME NE ANDRO’,
IN QUANTO MORIRO’.

POI, FATTO, LESTO,
UN FUNERALE,
ANCH’IO SARO’,
CERTO, INUMATO,
A MENO CHE, DIMENTICATO,
E, DA TEMPO, TRAPASSATO,
QUALCUN MI RINVERRA’
MUMMIFICATO,
OVVER, SCARNIFICATO.
ED IN QUELLO STATO,
MI SI SOTTERRERA’.

COMUNQUE, QUANDO SARA’
CHE QUESTO AVVENGA,
ANCHE SE ANCOR VARRA’
LA LEGGE DEL MENGA,
VORREI, PURCHE’ POSSA,
VISTE LE NORME IN ATTO,
OR CHE NON SONO
ANCORA CATAFRATTO,
CHIEDERE, IN DONO,
DI SCEGLIERMI LA FOSSA.

QUESTO, PERCHE’
S’E’ VERO CHE
NESSUN MORTO,
DOPO CRISTO RE,
E’ MAI RISORTO,
IO SON CONVINTO
SEPPURE, ESTINTO.
IRRIMEDIABILMENTE,
CHE, ALMENO A ME,
LA DIVINA MENTE,
NELLA DISGRAZIA,
MI FARA’ LA GRAZIA,
DI TANTO IN TANTO,
POTERMI AFFACCIAR
DAL CAMPOSANTO,
PER, QUAND’E’ GIORNO,
POTER GUARDARE,
SOTTO ED ATTORNO

CIO’ DETTO,
ORMAI, DA SEMISANTO
E BENEDETTO,
COI “TRAPASSATI” ACCANTO
DEL’ISOLA DEL GIGLIO,
CH’E UN VERO “VISIBIGLIO”,
VORREI STARE,
CON QUELLI, DEL CASTELLO,
CHE, SOPRA IL MARE
E’ TANTO, TANTO BELLO,
PERCHE’, SEPPUR MORTO,
IN QUANTO UN PO’ RISORTO,
POTREI, BEN DALL’ALTO
CONTEMPLARE E VENERARE
QUAL PREZIOSO SMALTO,
LA VALLE DI CAMPESE,
CON ORTI E VERDI CLIVI,
CON ARGENTATI ULIVI,
SPARSI PER L’ ”ALPESTRE”,
E LE VIGNE BEN DISTESE,
TRA CESPI DI “GINESTRE”,
SU GRANITICI COSTONI,
E FIANCO DI “COLTIVI”
CHE, UN DI’, DIMENTICATI,
OPPURE, TRASCURATI
OR SON TORNATI “BUONI”.

SICCOME IL FARGLIONE,
CHE, SEPPUR, BARZOTTO
ED UN PO’ CIONDOLONE,
RESTA UN TAL “FAGOTTO”
CHE LE TROMBE D’ARIA,
RAPIDE, VELOCI O LENTE,
IN FOGGIA FITTA E VARIA,
VANNO , RATTAMENTE
SPESSO, A “SALUTARE”,
PER, QUINCI E QUINDI,
OVVER LAONDE,
TRA VORTICI E CACHINNI
TRA L’ONDE,
STROMBAZZARE.

Print Friendly, PDF & Email

Controlla anche

gian piero calchetti isola del giglio giglionews

A Charlie Gard

A CHARLIE GARD  CHE MI RAMMENTA CHARLIE HEBDO COSA, MAI, SONO I MEDICI E IL …

Lascia un commento