Franca Melis

Ho talmente tanta dolore e tanta rabbia che non posso stare zitta.
Ieri ho perso un fratello, un amico, mio figlio Francesco ha perso il SUO GIULIANO, in questi anni d’Arcidosso Giuliano era per lui, un punto d’appoggio, il suo non sentirsi solo, l’adulto amico che c’era sempre, GIULIANO con cui andare a mangiare una pizza, Giuliano mi sono fatto male giocando, Giuliano per qualsiasi bischerata.
MA CHE RABBIA, DIO QUANTA RABBIA.
VORREI SOLO CHIEDERE AL COMANDANTE DELLA TOREMAR PER QUALE MOTIVO NON HA ASPETTATO IERI SERA QUEI 5/10 MINUTI CHE GLI ERANO STATI CHIESTI AFFINCHE’ UNA PERSONA MOLTO VICINO AL DOTTOR MATTERA, POTESSE PRENDERE L’ULTIMO TRAGHETTO PER L’ISOLA PER STARGLI VICINO, COMPAGNA DI LAVORO AMICA DI SEMPRE.
EGREGIO SIG COMANDANTE CHE CI SI CHIAMI MARINI O ROSSI O QUALSIASI ALTRO COGNOME, SIAMO TUTTI CITTADINI ITALIANI, E SENZA OFFESA PER IL PRESIDENTE DEL SENATO MARINI, MA SE SI E’ ASPETTATO LUI PER PARTIRE QUALCHE GIORNO FA LA SERA ALLE NOVE, MENTRE STAVA VENENDO IN VACANZA, TROVO CHE SAREBBE STATO PIU’ UMANO ASPETTARE UNA PERSONA CHE ARRIVAVA PER STARE VICINO A CHI OGGI NON C’E’ PIU’, A DEI GENITORI DISPERATI, AD AMICI E PARENTI.
SI RICORDI SIG. COMANDANTE CHE SIAMO TUTTI UGUALI SOTTO QUESTO CIELO D’ITALIA, DAL PRESIDENTE DEL SENATO ALLA SOTTOSCRITTA FRANCA MELIS
Print Friendly, PDF & Email

Controlla anche

peppino di culisse isola del giglio giglionews

Un ricordo di Peppino di Culisse a 25 anni dalla scomparsa

Un ricordo di Peppino di Culisse a 25 anni dalla scomparsa Mi ricollego alla recente …

Lascia un commento