Home / news / News Isola del Giglio / Rimozione: relazione settimanale 1 – 7 Marzo

Rimozione: relazione settimanale 1 – 7 Marzo

parbuckling costa concordia isola del giglio giglionewsRiceviamo e pubblichiamo la relazione che Costa Crociere mette a punto settimanalmente in merito all’andamento dei lavori di recupero del relitto Costa Concordia al largo del porto dell’Isola del Giglio. Il documento contiene la cronistoria delle attività svolte durante la settimana dal 1 al 7 Marzo con tanto di dati tecnici e fotografie delle operazioni di cantieristica.

VISUALIZZA RELAZIONE

Visualizza relazioni precedenti:
– Attività svolte – Isola del Giglio, 01 – 07 settembre >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 08 – 14 settembre >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 22 – 28 settembre >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 29 settembre – 05 ottobre >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 06 – 12 ottobre >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 13 – 19 ottobre >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 20 – 26 ottobre >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 27 ottobre – 2 novembre >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 3 – 9 novembre >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 10 – 16 novembre >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 17 – 23 novembre >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 24 – 30 novembre >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 8 – 14 dicembre >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 15 – 21 dicembre >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 22 – 28 dicembre >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 29 dicembre – 4 gennaio >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 5 – 11 gennaio >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 12 – 18 gennaio >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 19 – 25 gennaio >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 26 gennaio – 1 febbraio >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 2 – 8 febbraio >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 9 – 15 febbraio >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 16 – 22 febbraio >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 23 febbraio – 1 marzo >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 2 – 8 marzo >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 9 – 15 marzo >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 16 – 22 marzo >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 23 – 29 marzo >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 30 marzo – 5 aprile >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 6 – 12 aprile >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 13 – 19 aprile >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 20 – 26 aprile >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 27 aprile – 3 maggio >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 4 – 10 maggio >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 11 – 17 maggio >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 18 – 24 maggio >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 25 – 31 maggio >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 1 – 7 giugno >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 8 – 14 giugno >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 15 – 21 giugno >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 22 – 28 giugno >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 29 giugno – 5 luglio >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 6 – 12 luglio >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 13 – 19 luglio >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 20 – 26 luglio >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 27 luglio – 2 agosto >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 3 – 9 agosto >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 10 – 16 agosto >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 17 – 23 agosto >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 24 – 30 agosto >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 31 agosto – 6 settembre >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 7 – 13 settembre >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 14 – 20 settembre >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 21 – 27 settembre >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 28 settembre – 4 ottobre >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 5 – 11 ottobre >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 12 – 18 ottobre >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 19 – 25 ottobre >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 26 ottobre – 1 novembre >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 2 – 8 novembre >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 9 – 15 novembre >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 16 – 22 novembre >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 23 – 29 novembre >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 16 – 22 novembre >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 30 novembre – 6 dicembre >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 7 – 13 dicembre >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 14 – 20 dicembre >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 28 dicembre – 3 gennaio >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 4 – 10 gennaio >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 11 – 17 gennaio >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 18 – 24 gennaio >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 25 – 31 gennaio >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 1 – 7 febbraio >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 8 – 16 febbraio >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 15 – 21 febbraio >>>
– Attività svolte – Isola del Giglio, 22 – 28 febbraio >>>

rotazione rimozione parbuckling concordia isola del giglio giglionews

Print Friendly, PDF & Email

Controlla anche

armadio memoria regione toscana costa concordia isola del giglio giglionews

Moby Prince, Viareggio e Costa Concordia, si inaugura l’Armadio della memoria

Toscana: stragi Moby Prince, Viareggio e Costa Concordia, si inaugura l’Armadio della memoria Oggi, Giovedì …

18 commenti

  1. Attilio Regolo

    Mi dispiace Pietro che tu te la prendi così tanto a livello personale per quella che per me è solo un’ipotesi di lavoro da prendere in considerazione solo come ultima ratio.
    E’ evidente che anche per me la soluzione ottimale è quella preventivata e promessa da tutti i soggetti pubblici e privati che ci hanno messo la “bocca e la faccia” e cioè la rimozione integrale e rapida dal Giglio e senza danni per l’isola del grande relitto Concordia.
    Ma forse è una mia deformazione professionale quella di pensare di cercare di cascare sempre in piedi come fanno i gatti, animali amici dell’uomo che apprezzo molto.
    E scusami se insisto sul concetto, Pietro, ma nella malauguratissima ipotesi che suddetta benedetta rimozione si rivelasse, magari dopo aver lasciato trascorrere un’altra stagione estiva, comunque troppo rischiosa o impervia o bisognevole di molto altro tempo per realizzarsi, il Giglio e i Gigliesi che dovrebbero fare secondo te, fermo restando che stiamo ragionando nel campo della pura ipotesi statistica, dovrebbero dicevo stare a macerarsi nei mugugni e nei mal di pancia vita natural durante dopo aver subito la beffa oltre il danno o piuttosto ingegnarsi e rimboccarsi le mani per vedere di cercare di trovare il modo di tramutare in meglio o almeno in meno peggio tale situazione da incubo?
    Saluti.

  2. Pietro Rinaldi

    Caro Attilio, non prenderla male, ma continui a farneticare !… Continui cioè a pensare che uno si sveglia la mattina e pensa di cambiare la realtà dei fatti._ Sono finiti i soldi ??__ Se così fosse, non ci sono responsabilità da indagare ??__ Troppo facile, …. allora sarebbe stato capace chiunque a raddrizzarla con quelle cifre di cui si è parlato.__ Sono state effettuate dichiarazioni ufficiali ….. sono false ? Illusorie per chi le ha ascoltate ? E nessuno se ne assumerebbe la responsabilità !!_ Bel gioco questo da somministrare ad un gregge di ovini che “ascoltano o leggono comunicati””…. Oggi è 21 marzo e fra una settimana QUALCUNO dovrà fornire notizie chiare, altrimenti, come dice Renzi, chi ci ha messo la bocca e la faccia è un BUFFONE e deve sparire dalla circolazione.

  3. Hi Jim

    It is not the job of Dockwise to inform the public about ongoing negotiations between Costa Crociere and the state of Italy. In the Concordia affair Dockwise could become just one of Costa’s many contractors. Likewise, during the last two years, Titan Salvage had certainly a lot to tell about their operations, they never did.

    The delicate negotiations are about the choice of the ship-breaking yard, where the “Vanguard” may be an important part of the puzzle. The two negotiators are not free from pressures. Italy has its regional or provincial governments, trade unions and ecological pressure groups. Costa depends on its parent Carnival and the more and more reluctant insurers.

    We are all awaiting the decision, promised for March…
    .
    .
    .
    Dockwise è solamente un operatore possibile della Costa Crociere; né vuole né è in grado di influenzare l’attuale discussione tra l’Italia e Costa con dichiarazioni pubbliche. Nei due anni scorsi un altro operatore, la Titan Salvage, certamente più volta voleva rettificare l’opinione pubblica, era sempre muta.

    Nelle delicate discussioni per la scelta del porto di smantellamento la Vanguard gioca una parte importante ma passiva. I due negoziatori non sono autonomi. Dietro l’Italia sono i governi regionali o provinciali, i sindacati e i gruppi ecologici. Per la Costa i decisori sono la madre Carnival e lì assicuratori sempre più riluttanti.

    Attendiamo la decisione…

    Saluti
    Urs

  4. Attilio Regolo

    Beh, Pietro, la rimozione del relitto doveva avvenire secondo previsioni di progetto in un anno circa e invece dopo quasi due anni dall’affidamento lavori la nave anche se raddrizzata e stabilizzata è ancora irremovibilmente lì davanti a Punta Gabbianara e sono stati già spesi tutti i soldi inizialmente impegnati anzi di più.
    E allora che si fa a questo punto, Pietro, andiamo io e te novelli Polifemo e Gargantua con due robuste corde a tirarla via dal panorama del Giglio magari facendoci aiutare dai Gigliesi di buona volontà ?
    E se anche dovessimo riuscire a sollevarla dove diavolo la porteremmo?
    Insomma, caro Pietro, fuori da metafore o battute, ci sono ancora lì davanti al Giglio 100-150 Milioni di euro di relitto navale che ogni giorno che passa decadono di valore .
    Cosa si aspetta, che l’azienda proprietaria e responsabile del relitto e del progetto di rimozione venga dichiarata infine insolvente e che le venga requisito il bene per farla vendere ad un’asta giudiziaria quando ormai sarà diventata davvero un “ammasso di ruggine”?
    O non è meglio forse cercare un’alternativa di utilizzo della nave su cui studiare e progettare fin da ora nella malaugurata ipotesi che quella benedetta rimozione si rivelasse alla lunga impraticabile?
    Saluti cordiali.

  5. Ho contattato Dockwise e ho chiesto quando e dove il Vanguard woud essere modificato per accogliere il Concordia. E ‘stato un paio di giorni e nessuna risposta.

    Cito il sito Dockwise: “Come parte del contratto, saranno apportate alcune modifiche al Dockwise Vanguard per ospitare il caricamento della Concordia nel suo stato attuale L’operazione è prevista avrà luogo verso la metà del 2014 e il valore del contratto del. lavorare portata di importi descritti a circa 30 milioni di USD. ”

    I contacted Dockwise and asked when and where the Vanguard woud be modified to accommodate the Concordia. It’s been a couple of days now and no answer.

    I quote the Dockwise website: “As part of the contract, certain modifications will be made to the Dockwise Vanguard to accommodate the loading of the Concordia in her current state. The operation is planned to take place around mid-2014 and contract value of the work scope as described amounts to approximately USD 30 million.”

  6. Pietro Rinaldi

    Caro Attilio, per fortuna che anche Urs lo conferma, questo Tuo “chiodo fisso” che regolarmente riproponi è unTuo semplice sogno privato !! Particolarmente NON CONDIVISO dai Gigliesi (che spesso ti hanno risposto su queste pagine)….. Quando la Concordia non si vedrà più nel panorama “sopracqua” del Giglio “forse” potremo parlare di ciò che potrebbe rimanere “sott’acqua” come “percorso della memoria” e, questo sì, anche a fini turistici.__ Saluti e STAI SERENO !!!

  7. Caro Attilio, i proverbi dichiarano una verità ma non la verità assoluta, in ogni caso.

    La speranza davanti alla realtà opposta e confermata è una capitolazione cieca, nefasta o comprensibile (per esempio una malattia incurabile).
    Senza fatti verificati o promesse confermate la speranza è solamente il contrario della disperazione, la separazione tra ottimista e pessimista. Qualche volta un ottimista deluso diviene pessimista… ma il problema stesso non cambia.

    Non vedo un’utilizzazione turistica della Concordia >>>

    – Il proprietario del relitto (Carnival/Costa o assicuratore) ha un solo obiettivo: la sparizione della Concordia dei giornali, della TV e della pianeta.
    – Adesso la Concordia è un cantiere di rimozione, controllato delle autorità come cantiere e assicurato della Titan come cantiere.
    – L’assicurazione dei lavori era un problema maggiore, facilitato della proprietaria della Titan, la Crowley Maritime Corp con il suo dipartimento assicurazione. Dove trovare un nuovo assicuratore?
    – Il relitto e il falso fondale sono sempre un complesso fragile, dipendente dalla sorveglianza permanente e da mezzi d’intervento presenti al Giglio.
    – Dov’è l’autorità che autorizzerebbe l’utilizzazione della Concordia come “Disneyland-Giglio”?

    Saluti
    Urs

  8. Attilio Regolo

    Caro Urs Klaeger, fa piacere ricevere segni di rispetto e di accordo da una persona seria e preparata come Lei.
    D’altra parte ritengo sia giunto il momento dopo mesi e anni di dibattito su GiglioNews di dire fino in fondo quello che si pensa davvero nell’intimo della propria coscienza senza edulcorazioni o infingimenti.
    Vedi, Urs, qui da noi in Italia e specie qui in Maremma vale un detto popolare assai significativo he recita pressappoco così: ” chi visse di speranza morì ……” dove i puntolini sostituiscono un’espressione ruvida ma molto realistica reperibile ovunque in internet e che per carità di patria è stata sostituita con la più gentile parola “cantando”.
    Ebbene, non vorrei proprio, ma le circostanze sembrerebbero tutte proprio quelle, che nel caso della rimozione Concordia si stia accumulando un carico eccessivo di speranze affidate ad un aleatorio futuribile.
    Ed allora, invece di abbandonarsi ad una melanconica e sempre più rassegnata speranza, la gente del Giglio , che è certamente la più direttamente interessata , farebbe bene oltre che a spingere chi di dovere per la soluzione del problema della rimozione al più presto possibile , a cominciare a pensare anche a qualche provvedimento autonomo e distinto alternativo per un’eventuale utilizzo magari provvisorio a scopo per esempio di attrazione turistica della grande struttura semigalleggiante che staziona ormai diritta e stabile a fianco di Giglio Porto.
    Cordiali saluti.

  9. Caro Attilio, d’accordo con tutto.
    Possiamo ipotizzare la tecnica, dopo qualche settimana vedremo se avranno adottato la “nostra invenzione”.
    Anche speculazioni sono troppo precise per la previsione della politica!

    Non è il tempo per la resa incondizionata, attendiamo la decisione per il futuro della Concordia, promessa per marzo… e speriamo!

    Saluti
    Urs

  10. Hi Jim
    L’ultima posizione della “Dockwise Vanguard” da MarineTrafic è dal 13 febbraio, è una posizione AIS-terrestre, esistono posizioni più recenti ma non ricevo l’AIS-satellitare.
    Adesso la nave è nell’oceano Indiano, arrivo a Singapore ETA il 27 marzo.
    Non conosco il programma della “Vanguard” ma in teoria potrebbe sempre arrivare nel Mediterraneo per fine maggio.

    Your Marine Traffic position off Brazil is from February 14. It is the last terrestrial position; I do not have access to the more recent ones by satellite. Now the “Vanguard” is somewhere in the Indian ocean, ETA Singapore March 27 20:00 UTC (!).
    By the end of May the ship could be back in the Mediterranean… if there is a contract.

    Saluti
    Urs

  11. MarinetraffIic.com shows the Vanguard Dockwise still working off the coast of Rio de Janeiro. If the Dockwise is going to be used in June to remove the Concordia, then why isn’t it in a shipyard undergoing the required modifications, as reported in the media?

    I am beginning to think no one knows how to manage the removal phase of the project.

    MarinetraffIic.com mostra il Vanguard Dockwise ancora lavorando al largo della costa di Rio de Janeiro. Se il Dockwise sta per essere utilizzato nel mese di giugno per rimuovere la Concordia, allora perché non lo è in un cantiere in fase le modifiche necessarie, come riportato dai media?

    Sto cominciando a pensare che non si sa come gestire la fase di rimozione del progetto.

  12. Attilio Regolo

    Gent. Urs, anch’io farei come dici tu per installare i cassoni di destra sommersi ma non è questo il punto.
    La domanda è: come mai con i cassoni già pronti e la procedura già definita si sta rimandando sine die l’operazione conclusiva del rigalleggiamento a scopo rimozione finale della Concordia dal Giglio?
    La risposta è abbastanza semplice e ormai evidente: quando si interrompe e praticamente si abbandona un cantiere operativo della dimensione e complessità quale quello che era stato approntato nei mesi e negli ultimi due anni attorno alla Concordia rovesciata per raddrizzarla diventa un problema gigantesco riattivare simile cantiere per riprendere le operazioni e portarle a conclusione, specie in una caso come questo dove è ancora del tutto nebuloso il come il dove e il quando quel grande relitto possa essere trasportato via dalla costa dell’Isola.
    Le conseguenze probabili?
    Altrettanto semplice individuarle: il relitto Concordia così come si trova adesso rischia ogni giorno he passa di diventare una delle tante classiche “cattedrali nel deserto” (anche se in questo caso un deserto marino), che hanno caratterizzato lo scenario territoriale italico negli ultimi 50 anni, costruzioni cioè mastodontiche costosissime e incompiute che rimangono lì dove sono state improvvidamente avviate per decenni a venire senza più possibilità di intervento risolutivo.
    Saluti cordiali anche se un po’ rassegnati.

  13. Caro Attilio
    Avevo scritto come ottimista tecnico ma, con la sentenza “Senza rallentamento artificiale…”, anche come realista.

    Sempre non conosciamo la vera opinione del nuovo governo nel caso Concordia. Mi sa che il governo precedente era piuttosto pro-Giglio (o pro-Pietro/-Maurizio/-Urs)…

    Tutti i governi nel mondo tendenzialmente prendono una sola decisione per coprire due (o più) obiettivi, divergenti o opposti. Generalmente nessun obiettivo è raggiungibile… quindi prendono decisioni dilatorie per rinviare le conseguenze nel futuro.

    Giglio e Piombino hanno interesse materialmente incompatibile…

    Per Jim:
    Non so come faranno, ma so come io farei.
    Il grande pontone gru “Vincenzo Cosentino” lavora frequentemente a destra della Concordia.

    Una nave scarica i cassoni nel mare. Per evitare la scuffia, i cassoni sono parzialmente riempiti d’acqua. Il pontone prende un cassone flottante, va alla posizione voluta e sommergerà il cassone riempito a -18m.

    Saluti
    Urs

  14. Does anyone know how the caissons will be lifted into place on the starboard side of the Concordia? It seems it would be difficult to use a heavy lift ship due to the confined space of the work area. Is it possible for a heavy lift ship to lift the caissons over the top of Concordia – from port to starboard?

    Qualcuno sa come i cassoni verranno sollevati in posizione sul lato di dritta della Concordia? Sembra che sarebbe difficile usare una nave per carichi pesanti a causa dello spazio confinato dell’area di lavoro. E ‘possibile per una nave pesante ascensore per sollevare i cassoni sopra la parte superiore della Concordia – dal porto a dritta?

  15. Attilio Regolo

    Caro Urs, il vero problema della rimozione Concordia dal Giglio non è , giunti ormai a questo punto, la complessità dell’installazione dei cassoni a dritta per il galleggiamento finale della nave il cui progetto esecutivo peraltro appare praticamente già definito nei dettagli tecnici ed operativo, ma semmai la decisione di dove come e quando trasportare quei circa 600.000 mc di cui quasi un terzo sommersi di relitto cassoni compresi.
    Saluti.

  16. Pietro Rinaldi

    Difficoltà o non difficoltà nell’installazione dei cassoni ??_Se vogliamo dare un senso alle dichiarazioni ufficiali, anche pubblicate sulle pagine di questa redazione, entro un paio di settimane dovrà essere annunciato il porto dove la Concordia sarà trasportata per la sua demolizione.__ Entro il mese di giugno la nave sarà sollevata e dovrà scomparire dall’orizzonte visibile dall’Isola del Giglio .. AMEN…. Aspetteremo di vedere la serietà delle dichiarazioni somministrate e delle “persone” che le hanno fatte.

  17. Jim Harris >>> “…sembra essere più difficile dell’installazione dei cassoni sul lato sinistro.”

    Più difficile? Almeno più complesso!

    I cassoni babordo sono arrivati al Giglio senza allestimento. La saldatura alla murata della Concordia era un lavoro molto lungo e molto fastidioso per i saldatori.

    I cassoni tribordo (e i quattro mancanti babordo) sono da mesi nel porto di Livorno. L’equipaggiamento pneumatico per il controllo della spinta e idraulico per la tensione delle catene sotto la nave è installata nella relativa sicurezza della zona portuale.

    Ogni cassone arriverà al Giglio in posizione verticale, pronto per l’immersione a -18m e per il raccordo delle catene già a posto e del sistema pneumatico.

    Senza rallentamento artificiale non vedo un problema per giugno.

    Saluti
    Urs

  18. I wonder if the caissons will be able to be installed on the right side of the Concordia by June. This project seems to be more difficult than the installation of the caissons on the left side.

    Mi chiedo se i cassoni potranno essere installato sul lato destro della Concordia entro giugno. Questo progetto sembra essere più difficile che l’installazione dei cassoni sul lato sinistro.

Lascia un commento