Maggiori dettagli dal Comitato Consultivo

Pubblichiamo alcuni nuovi dettagli sull’incontro di ieri a Roma del Comitato Consultivo per la rimozione di Costa Concordia. E’ l’agenzia Ansa che trasmette le notizie già fornite ieri sera dal nostro giornale aggiungendo qualche altro particolare.

concordia rimozione isola del giglio giglionewsFonte Ansa:
Rientra la polemica tra il commissario per l’emergenza Franco Gabrielli e il sindaco del Giglio Sergio Ortelli: il relitto della Costa Concordia sarà portato via dall’isola «prima possibile», rispettando il cronoprogramma già annunciato. E, in ogni caso, «verrà salvaguardata la vita socio-economica» degli abitanti. Ancora niente di deciso, invece, per la destinazione del relitto, anche se l’ipotesi Genova sembra sempre più in campo. E’ finita senza sostanziali novità la riunione del Comitato consultivo, allargato per l’occasione all’Osservatorio di monitoraggio, convocata da Gabrielli subito dopo l’esplodere delle polemiche: un botta e risposta con il primo cittadino nel quale quest’ultimo lamentava di non avere avuto le necessarie informazioni sui tempi di rimozione e il capo della protezione civile rispondeva sottolineando che ogni decisione era stata condivisa con gli abitanti e le autorità locali. Divergenze superate visto che Gabrielli e Ortelli hanno concordato di vedersi la prossima settimana al Giglio per «garantire agli abitanti tutte le necessarie informazioni che potrebbero interessare la loro quotidianità, soprattutto nella fase di rigalleggiamento, e valutare le strategie migliori per mitigare il più possibile i rischi».

Chiarezza sul progetto «Abbiamo chiesto chiarezza – ha detto Ortelli – per poter essere messi in grado di apprendere tutti gli elementi del progetto grazie ai quali fare le dovute valutazioni perché nella situazione in cui ci troviamo, e cioè di forte penalizzazione turistica, non siamo in grado di firmare assegni in bianco a nessuno». Al di là delle posizioni ufficiali, il nodo è proprio la rimozione della nave: perché ad oggi nessuno dei protagonisti della vicenda può dire con certezza quando verrà portata via. L’impegno preso ufficialmente da Costa e ribadito anche oggi nel corso della riunione, è di rimuoverla entro giugno. Ma è evidente che uno slittamento di anche soli 15 giorni, per motivi al momento non prevedibili come un intoppo nell’installazione dei cassoni o problemi nella fase di rigalleggiamento, farebbe ricadere la rimozione nel pieno della stagione turistica del Giglio. E questo diventerebbe un ulteriore problema per l’economia dell’isola, già provata per la presenza della nave.

La questione del porto C’è poi un’altra questione in ballo, che non è direttamente legata alle fasi di rimozione al Giglio e non è stata affrontata oggi nel merito, ma ha inevitabilmente delle ripercussioni sulle scelte che verranno fatte in questi tre mesi, ed che è quella del porto in cui verrà smaltita la Concordia. A gennaio Costa annunciò che entro marzo avrebbe fatto la scelta ma è probabile che la decisione slitti di qualche settimana. La ‘tentazione’ di destinare il relitto verso un porto straniero, probabilmente turco dove lo smaltimento costerebbe meno, sembrerebbe scongiurata. Ma, sempre per motivi di costi, Genova potrebbe ‘soffiare’ lo smaltimento a Piombino che si era candidata a smantellare la nave assicurando che i lavori al porto toscano si sarebbero conclusi in tempo per accoglierla. Un’occasione che la città colpita da una dura crisi economica a causa del futuro incerto delle acciaierie vorrebbe non lasciarsi scappare, prendendo in esame anche la possibilità di far lavorare a Piombino ditte indicate da Costa. La partita però non è solo economica: lo stesso governatore della Toscana Enrico Rossi ha posto sul tavolo il forte rischio di tenuta sociale della città di fronte all’Isola d’Elba. Un doppio schiaffo, quello della crisi dell’acciaieria e dell’addio alla lavorazione della Concordia, ha detto Rossi, sarebbe «intollerabile».

Print Friendly, PDF & Email

Controlla anche

sergio ortelli sindaco del comune di isola del giglio

Cala del Saraceno: il Sindaco precisa

CALA DEL SARACENO: IL SINDACO PRECISA Trovo particolarmente bislacco, se non fosse una prassi politica, …

Un commento

  1. Un sacco di persone stanno facendo un sacco di parlare, ma non dicono nulla. Nessuno ha detto nulla di specifico. Nessuno ha risposto ad alcune semplici domande, come segue:

    * Quando i cassoni sta per essere attaccato alla nave?

    * Quando (quale giorno di quale mese) sta Concordia sarà rimessa a galla e rimossa dal Giglio?

    * Qual è la destinazione finale di Concordia?

    * Come sarà Concordia sarà rimossa? Via trattore o sul Dockwise Vanguard?

    A lot of people are doing a lot of talking but they are not saying anything. No one has said anything specific. No one has answered a few simple questions, as follows:

    * When are the caissons going to be attached to the ship?

    * When (what day of what month) is Concordia going to be refloated and removed from Giglio?

    * What is the final destination of Concordia?

    * How will Concordia be removed? Via towing or on the Dockwise Vanguard?

Lascia un commento