Le richieste del Comune del Giglio al processo Concordia

stemma comune isola del giglio giglionews
COMUNE ISOLA DEL GIGLIO
Provincia di Grosseto

Richiesta formalizzata al tribunale di Grosseto nelle conclusioni di parte civile al processo penale a carico di Francesco Schettino
L’ISOLA DEL GIGLIO CHIEDE UNA PROVVISIONALE NON INFERIORE A 20 MILIONI DI EURO
Il Sindaco Sergio Ortelli: «Il danno per l’Isola del Giglio esiste. Anche quello d’immagine che si protrarrà nel tempo. Irrimediabilmente. Ancora oggi non sappiamo cosa ci aspetterà per il futuro. Chi in questi anni ha sostenuto il contrario mente, sapendo di mentire»

Una provvisionale, immediatamente esecutiva, che dovrà essere quantificata, considerato il totale dei danni patrimoniali e non patrimoniali patiti dal Comune, in una somma non inferiore a 20 milioni di euro a fronte di danni complessivi per circa 200 milioni di euro. E’ la richiesta che l’Amministrazione comunale di Isola del Giglio, per tramite dei suoi legali Avv. Maria Chiara Zanconi, studio legale Pavia Ansaldo e Avv. Alessandro Maria Lecci, ha formalizzato al tribunale di Grosseto nelle conclusioni di parte civile al processo penale a carico di Francesco Schettino.

sergio ortelli sindaco isola del giglio giglionews«Il danno per l’Isola del Giglio esiste. Anche quello d’immagine che si protrarrà nel tempo. Irrimediabilmente. – spiega il sindaco Sergio Ortelli – Chi in questi anni ha sostenuto il contrario mente, sapendo di mentire. Per non parlare dei danni alla macchina comunale e il turbamento dei gigliesi che l’Amministrazione Comunale rappresenta oggi come quella notte: nessuno di noi potrà mai dimenticare cosa è accaduto in quegli interminabili giorni e negli anni successivi. Ancora oggi non sappiamo cosa ci aspetterà per il futuro. Con certezza possiamo affermare che non c’è stato alcun guadagno sotto il profilo economico tantomeno sotto il profilo dell’identità, del nome e della reputazione turistica».

«Parzialità delle fonti, soggettività dei criteri di valutazione, presenza di macroerrori con valutazioni assenti o valutazioni sbagliate, fallacia delle conclusioni. Le consulenze che Costa Crociere ha fatto nel corso del processo a dimostrazione dell’assenza del danno patrimoniale e non patrimoniale sono state completamente smontate e adesso non rimane più nulla» aggiungono i legali del Comune. «Se non bastano milioni di verifiche per determinare se una data teoria è certa, è sufficiente una falsificazione per dimostrare che non lo è. Se l’indagine di Del Mare e dell’Osservatorio di Pavia avevano anche una minima pretesa di scientificità, si schiantano e si disintegrano di fronte alla rigidità dei criteri in tema di valutazione di prova».

Le voci di danno per il calcolo della provvisionale

– Somme anticipate dal Comune per conto dello Stato o di altre amministrazioni a seguito della dichiarazione dello stato di emergenza fino al terzo trimestre del 2014 e non ancora rimborsate: Euro 340.305,05;

– Costo del personale distolto all’ordinaria attività a favore della gestione dell’emergenza: Euro 1.017.201,00;

– Costo sostenuto dal Comune per la collaborazione di professionisti esterni a supporto dell’attività dell’ufficio tecnico per la realizzazione del Piano triennale delle opere (rimasto inattuato): Euro 142.164,04;

– Danno per mancata realizzazione del Piano Triennale delle Opere Pubbliche 2012-2014: Euro 1.265.607,50;

– Danno per ritardo approvazione Piano Strutturale: Euro 500.000,00; (valutazione equitativa);

– Danno per ritardato introito oneri di urbanizzazione: Euro 591.246,00;

– Danno per ritardata acquisizione Rocca Pisana: Euro 750.000,00;

– Danno per mancato ampliamento concessione demaniale n.3/2012: Euro 196.723,34;

– Danno all’immagine (per lesione all’identità, nome e reputazione nonché per mancato svolgimento di eventi, trasformazione dell’isola in un cantiere, turbamento della popolazione, per diminuita percezione sia da parte dei cittadini che sul piano internazionale) commisurato, per gli anni 2012, 2013 e 2014 nella flessione del turismo rispettivamente in: Euro 1.670.000,00 (2012), Euro 1.670.000,00 (2013) e Euro 1.500.000,00 (2014) per un totale di Euro 4.840.000;

– Oltre all’ulteriore danno all’immagine anche per la persistente associazione del nome dell’isola al tragico naufragio ed alla necessità di riaffermare e ricostituirne il posizionamento sia alla sua attrattività turistica sia alla percezione mediatica, calcolato in misura almeno pari all’ammontare totale delle voci precedenti che attengono al danno già provato: Euro 10.000.000

– Capitale rivalutato oltre a interessi: Euro 10.000.000,00

Print Friendly, PDF & Email

Controlla anche

nave orari dei traghetti giuseppe rum toremar maregiglio isola del giglio giglionews

Incredibile a Giglio Porto: la nave se ne va!

Incredibile a Giglio Porto: la nave se ne va! Un fatto incredibile è accaduto ieri …

Un commento

  1. Carlo Centurioni

    Caro Ortelli questo è un commento che ho letto oggi su un noto quotidiano in riguardo alla vicenda del risarcimento chiesto dalla tua amministrazione per il disastro della Concordia: (testuali parole) Gigliesi ipocriti: dovrebbero forse ringraziarlo Schettino, con tutta la (involontaria) pubblicità creata dall’evento Concordia. Ora l’Isola è conosciuta in tutto il mondo: una vera miniera d’oro di potenziali turisti. Non stiano a riversare le loro colpe su altre cose.
    Ora mi sembra che questo commento faccia riflettere non tanto per la cifra richiesta, ma per questa frase: “Molti turisti negli ultimi anni sono scappati dal Giglio per i prezzi folli e la quasi totale mancanza di servizi adeguati al turismo”
    Vorrei sapere che cosa ne pensi di questo commento.
    Con l’occasione ti invio cari saluti.
    CARLO CENTURIONI

Lascia un commento