Serata in ricordo di Beppino di Culisse

Serata in ricordo di Giuseppe Baffigi, detto Beppino di Culisse

serata beppino di culisse isola del giglio castello giglionewsA vent’anni dalla Sua scomparsa lo vogliamo ricordare come poeta, musicista e menestrello gigliese, autore di canzoni che sono entrate ormai a far parte in modo definitivo della migliore tradizione canora e culturale dell’Isola del Giglio.

L’appuntamento è per domenica 26 Luglio alle ore 21:30 presso la Rocca Pisana a Giglio Castello. 

Durante la serata interverranno figli e nipoti di Giuseppe Baffigi tra cui Wilma Baffigi autrice del libro “La mia montagna incantata”, il Sindaco dell’Isola del Giglio Sergio Ortelli, il Dott. Armando Schiaffino, Angelo Stefanini e in qualità di fotografo ufficiale il Sig. Sergio Giorgi.

La serata, dopo una breve introduzione, si concluderà con la proiezione del video del concerto tenuto dallo stesso Beppino di Culisse, in piazzetta Volta, al Castello, nel lontano 1988.

Print Friendly, PDF & Email

Controlla anche

musica musicalgiglio isola del giglio giglionews

Musica d’eccellenza al Giglio

Musica d’eccellenza al Giglio Io e mia moglie Leila, che come dice il suo cognome …

Un commento

  1. Gian Piero Calchetti

    A “PEPPINO DI “CULISSE”

    Non so chi mai lo disse,
    senza che m’avvertisse,
    “Beato quel Paese,
    per piccolo che sia,
    che, pur senza pretese
    o avendo sorte ria,
    vuotando ogni scansia
    non è che badi a spese,
    per stare in “galloria”,
    a festeggia’ il passato
    ovvero quel ch’è stato”,
    specie se lo fe’ bello,
    al Porto od al Castello”,
    come, di mente lesta,
    reinventò Silvestra,
    l’antico ritornello,
    che, quale menestrello,
    fa “rima” con Castello,
    e che, esteso al Mondo,
    invita al girotondo.

    S’onorino i Baffigi,
    pe’ ‘l “Peppe di Culisse”!,
    per come sempre visse,
    tutt’arte e senza “effigi”
    (solo dell’Ansonico,
    che lo rendeva attonito).
    In musica ed in prosa,
    in versi e, senza posa,
    si faccia gran baldoria,
    perch’é la nostra storia,
    ad esse’ rimembrata,
    e non è vanagloria
    che venga celebrata.

Lascia un commento