Home / news / News Isola del Giglio / “Polvere Siamo”: un cortometraggio girato al Giglio

“Polvere Siamo”: un cortometraggio girato al Giglio

“Polvere Siamo”: un cortometraggio girato al Giglio

Mercoledì 25 Luglio alle ore 23 al locale La Frasca dell’Altura a Giglio Castello, avrà luogo la proiezione del cortometraggio “Polvere Siamo”

Il film diretto da Lorenzo Donnini, che sarà presente all’evento, rappresenta per il progetto una sorta di chiusura del cerchio ideale iniziata nel 2016 con le riprese del film “Le avventure di Peppino” (realizzato da Andrea Giannoni con Blanket Studio, lo studio che ha prodotto anche il corto) proseguita l’anno successivo con le riprese del cortometraggio e che si conclude quest’anno con la sua proiezione, che è anche la prima assoluta.

Girato tutto all’interno del cimitero di Giglio Castello il cortometraggio ha come protagonisti Simone Martini e Luca Avagliano e vede la partecipazione di diversi abitanti del Giglio tra cui Caterina Pellegrini, Cinzia Cossu, Gabriella Bevilacqua, Giorgio Stagno, Margherita Brizzi.

Print Friendly, PDF & Email

Controlla anche

morti cimitero isola del giglio porto giglionews

Prosegue il 22 Settembre la chiusura del cimitero di Giglio Porto

Prosegue il 22 Settembre la chiusura del cimitero di Giglio Porto Si informano gli interessati …

Un commento

  1. Gian Piero Calchetti

    IN ALTO, TRA CIELO E MARE,
    PER SOGNARE E RIPOSARE

    TRA CIELO E MARE
    IN ALTO,
    MA NON TROPPO,
    COME IN UN PARADISO
    TERRESTRE,
    PIENO DI FIORI,
    LAMBITO DA BREZZE
    ACCOGLIENTI
    DOLCI E SALMASTRE,
    STA IL “NOSTRO”
    CIMITERO.

    BEATI I MORTI,
    LI’ SEPOLTI,
    CHE, PER RIVIVERE
    UNA SECONDA VITA,
    IN SANTA PACE,
    NON HANNO BISOGNO,
    NON S’ADONTINO
    I PRETI,
    DI ASSURGERE
    ALLE STELLE,
    CHE, PER ALCUNI,
    SAREBBE,
    TRA L’ALTRO,
    IMPRESA IMPERVIA
    E FATICOSA.

    A TUTTI LORO,
    GENTE SAVIA
    E MODESTA,
    CUI, DOPO IL DESINARE,
    SERVIVA POCO ,
    PER CAMPARE,
    BASTA ED AVANZA
    AFFACCIARSI
    SULL’AZZURO MARE,
    CALMO O TEMPESTOSO,
    SULLE TANTE VIGNE,
    STRAPPATE A STERPI
    E ROCCE,
    SULLE GINESTRE
    IN FIORE,
    CHE, SVETTAN
    TRA LE “COTI”
    A PRIMAVERA,
    E RIVEDER,
    OGNI TANTO,
    SENZA FRETTA,
    I FAMIGLIARI,
    E TUTTI GLI ALTRI,
    CHE IL 2 NOVEMBRE,
    IMMANCABILMENTE,
    LI VIENE A VISITARE
    E RICORDARE.

    GENTE, PER LO PIU’,
    NAVIGANTE,
    E CONTADINA,
    CUI UN BUON
    SORSO
    NON GUASTA,
    E PURE
    UN PO’ DI PIU’,
    DI FRESCO
    ED ASPRO ANSONACO,
    DIVINO,
    CHE, AMBRATO,
    AL SOLO RIMIRARLO,
    T’IMPROFUMA
    E T’“ALLUMA”,
    FACENDOTI SOGNARE
    E RIPOSARE.

Lascia un commento