Quinto posto per il Giglio al Palio dei Tre Porti

Quinto posto per il Giglio al Palio dei Tre Porti

Si è svolta domenica 29 Luglio a Civitavecchia la decima edizione del Palio dei Tre Porti che ha visto l’equipaggio dell’Isola del Giglio gareggiare contro gli equipaggi di Civitavecchia, Castiglione della Pescaia, Livorno e Fiumicino.

palio dei tre porti civitavecchia isola del giglio giglionewsIl nostro equipaggio era composto da:

Timoniere: Matteo Coppa
Capovoga: Francesco Orlandini
Secondo Reme: Luca Campidonico
Terzo Reme: Renè Gioia
Quarto Reme: Alessio Ansaldo

La gara prevedeva due batterie:

  • la prima batteria composta da Isola del Giglio, Castiglione della Pescaia, Civitavecchia 1 e Livorno 1
  • la seconda batteria composta da Civitavecchia 2, Livorno 2, Fiumicino e Civitavecchia 3

Le prime due classificate passavano in finale, purtroppo non ci siamo qualificati per poco ma comunque abbiamo potuto giocarci la “finalina” conquistando così il quinto posto con il seguente ordine di arrivo: Isola del Giglio, Livorno 1, Fiumicino e Civitavecchia 3.

Un quinto posto che ci pesa un po’ considerando la vittoria dell’anno scorso ma che ci fortifica per le prossime gare.

Vogliamo ringraziare gli amici della famiglia Veneziani per averci messo a disposizione la loro mitica imbarcazione “Mazal”, Giacomo Mollo per le foto e il video e tutte le persone che ci hanno sostenuto e seguito virtualmente.

Print Friendly, PDF & Email

Controlla anche

festa rione chiesa isola del giglio giglionews

Festa del Rione Chiesa il prossimo 28 Agosto

Festa del Rione Chiesa il prossimo 28 Agosto Il Rione Chiesa invita tutti a partecipare …

Un commento

  1. Gian Piero Calchetti

    Non e’ par vostro,
    che ‘l “cinque” tosto,
    ch’ ha primeggiato
    nell’anno scorso,
    abbia cambiato
    il suo “discorso”,
    e, di poca lena,
    senza più vena,
    e senza più fiato
    si sia attestato,
    appena, appena,
    al quinto posto.

    Cos’è mai stato?
    Cos’è accaduto
    che ha precluso
    al vostro rostro,
    com’era d’ uso,
    esser tra i primi,
    miei ragazzini,
    che m’ero illuso,
    di festeggiare,
    e celebrare,
    pieni di gloria,
    per la vittoria,
    di tal tenzone,
    co’ ‘na canzone,
    fatta di versi,
    ben più diversi
    per affezione?

Lascia un commento