capannello pentovaldo fermina palma silvestri isola del giglio giglionews

“… L’animo era sempre sereno …”: dedicato a Fermina

… L’animo era sempre sereno …

Dedicato a Fermina Modesti vedova Pareti, l’ultima figlia di Dina e Luca, l’uomo che intrattenne con il suo organetto i giovani castellani di una volta nelle feste casalinghe; specialmente durante il carnevale.

Fermina è deceduta pochi giorni fa alla veneranda età di 92 anni, il suo è stato dunque un ciclo completo di vita e riposa in pace; la dedica vuole aggiungere valore al valore che la mia paesana dava al suo, pur faticoso, vissuto gigliese raccontando con occhi lucidi ciò che l’abbandono delle terre aveva distrutto per sempre.

“Sull’aia del Pentovaldo l’animo era sempre sereno.
Il nostro capannello aveva l’impiantito di mattoni rossi, le pareti imbiancate con ai lati due panchette di legno.
Sul fochetto arrostivamo gli zerri che mangiavamo con le olive noci sotto pesto.
Ci sedevamo sull’aia contenti.
Il mi’ babbo preparava le ginestre per fare i cestoni utili alla vendemmia.
Ai tempi delle mandorle, i miei fratelli, Trento e Gastone, aspettavano che i gusci diventassero scuri, scuri, poi scuotevano i rami, e i frutti, cadevano a terra come tanti sassetti; non ne rimaneva attaccata nemmeno una …
Purtroppo quel mondo non esiste più e quando vo Sottocannoni guardo laggiù e mi commuovo …

Fermina”

Palma Silvestri

Print Friendly, PDF & Email

Controlla anche

alessandro giacomello isola del giglio giglionews

L’isola saluta l’amico Alessandro Giacomello

L’isola saluta l’amico Alessandro Giacomello L’hanno trovato senza vita nella sua casa di Giglio Campese …

2 commenti

  1. Purtroppo quel mondo non esiste più e quando vo Sottocannoni guardo laggiù e mi commuovo …
    Mi commuoverei anch’io Cara Palma tant’è che non mi rassegno a vedere abbandonate le terrazze gradonate dove i nostri ascendenti coltivavano le vecchie vigne. OGNI TANTO VADO A PULIRE ALMENO I SENTIERI DI ACCESSO._ Vedo con piacere che alcuni EROI, di recente, hanno rinverdito con nuove viti ansoniche le loro poste e spero che la cosa possa continuare._ NON CAPISCO la cocciutaggine di chi vuole che l’Isola COMPLETA resti protetta a parco creando ostacoli burocratici anche allo sviluppo dei vigneti che la caratterizzavano anticamente. Solo quello che coadiuva il “turismo” si può fare._ SEMBRA CHE TUTTO IL RESTO DEBBA ANDARE A MACCHIA MEDITERRANEA “inpenetrabile” e ai proprietari di terreni non rimangano che gli occhi per guardare da lontano le antiche particelle.

  2. Gian Piero Calchetti

    Brava “Silvestra”,
    sei impareggiabile
    quanto amabile,
    specie, quando,
    di versi e racconti,
    “incontinente”,
    rammemori gente,
    come Modesti Fermina
    e tant’altra prima
    Gente della tua terra,
    laboriosa e “sgherra”,
    che, ormai, da anni,
    ad onta dei malanni,
    grazie a te e “Tonino”,
    è pure il mio “destino”.

    A chi s’adonta
    e, poi, m’affronta,
    con dissimulata
    rabbia,
    ch’ io t’abbia,
    come un onta,
    un dì, “ribattezzata”
    un po’ “silvaggia”
    e scapigliata,
    seppur, ad esser seri,
    nella nostra “piaggia”
    non ci son boschi veri
    né vaste radure,
    ma poderi,
    dico, soltanto,
    che mi vanto
    di non aver paure,
    in quanto
    non corro avventure,
    ché, a guadagnarti
    il mio secondo nome,
    signficativo,
    ancorché “tardivo”,
    ma, più bello,
    rispetto a quello
    di “Gigliesa”,
    ch’ è senza pretesa,
    in quanto sei
    del Giglio
    di cui tieni il cipiglio
    che anch’io vorrei,
    dico che “Silvestra”,
    e’ la tua genìa,
    che, certo venìa
    da razza “addestra”
    a selve ed foreste
    d’altri luoghi
    e d’altra natura,
    che in te perdura,
    nelle modeste alture,
    da cui, per sinecure,
    precipita il granito
    fino al mare,
    denso di flutti
    da nuotare,
    e di stupende
    coste d’ammirare,
    ove sempre tu sei,
    pur se stai lontana,
    perché tieni,
    non per niente,
    questa terra
    e la sua gente,
    dentro il cuore,
    con ardito amore.

    Gente giovine
    o vecchia,
    di casa o catapecchia,
    non fa differenza,
    perché è questa,
    ancorché modesta,
    la tua essenza,
    od il tuo Dna,
    che, ovunque sia,
    sempre torna qua
    per, poi, resta’!

Lascia un commento