desideri salvatore sampugnaro isola del giglio giglionews

I miei desideri … dopo 47 anni di Giglio

I miei desideri … dopo 47 anni di Giglio

Non è mia intenzione dare colpe a chicchessia … Voglio semplicemente esprimere alcuni miei desideri dopo 47 anni di Giglio … 
– 1° Desiderio: vorrei un parcheggio degno di questo nome destinato per i NON residenti al Giglio ma, proprietari di immobili dove pagano tutto il doppio. Per quelli che abitano nel Centro storico del Castello. 
– 2° Desiderio: che in 47 anni di vacanze al Giglio per periodi abbastanza lunghi, NON mi è stata mai concessa alcuna agevolazione … Noi proprietari di immobili e NON residenti, non abbiamo diritto di … N U L L A … PAGHIAMO LE NOSTRE TASSE, non abbiamo sconti di nessun genere … Pensate in 47 anni quanti soldi ho lasciato al Giglio per i traghetti e spese varie …
– 3° Desiderio: qualche volta, speranzoso che possa cambiare qualcosa, chiedo se è possibile cambiare … Di solito la risposta è: “se ti va è così, altrimenti te ne vai …” 
– 4° Desiderio: personalmente, non pretendo la luna nel pozzo, ma da un assiduo frequentatore, spero che qualche volta si possa tenere in considerazione i NON RESIDENTI, proprietari di immobili, in modo che abbiano ancora la voglia di rimanere sull’Isola e NON lasciarla, come a tutt’oggi hanno fatto decine e decine dei miei più cari Amici … 
– 5° Desiderio: il Castello, è un gioiello di rara qualità … Fatene tesoro, non abbandonatelo per FAVORE … Lo chiedo con l’amore più sincero. Illuminatelo di luce propria perché sicuramente è e sarà per i tempi avvenire un’immensa OASI per l’intera Umanità che lo visiterà …

Grazie e scusatemi per quello che ho scritto, ho elencato i miei DESIDERI e spero con tutto il mio cuore che l’Amministrazione Comunale, NON si farà sfuggire alcune opportunità, sono più che sicuro … Buon lavoro e che il Giglio diventi sempre più Ospitale e … M A G N I F I C O …

Salvatore, l’Uomo che ama tantissimo fotografare tutto il Giglio da tantissimi anni …

Ciao

Print Friendly, PDF & Email

14 commenti

  1. Salvatore Sampugnaro

    Gent.mo Signor Francesco,grazie per essersi associato ai miei Desideri,spero che queste nostre segnalazioni abbiano qialche …riscontro….Il prezzo della CONCRETEZZA, e spesso lasciato a meta…..Qualunque progetto,parte da un SOGNO,il quale da solo non ha energie sufficienti da raggiungere…L’obbiettivo.

    Il SOGNO,deve necessariamente lasciare la scena alla R A G I O N E che la parcheggia dietro le quinte….P O L I C H E ….all’ora forse possiamo tutti avere una…speranza!!!!!

    …….Cordialmente e ancora grazie…..Salvatore

  2. Francesco Archibugi

    Su segnalazione di Alberto Centurioni, ho cercato e letto con piacere le righe di Salvatore Sampugnaro.

    Per carattere e storia professionale concordo col suo pensiero ed il suo garbato, ma accorato invito allo stare assieme, condividere, proporre, valutare in onestà intellettuale diverse idee e proposte che, comunque, risultino TUTTE e senza ombra di dubbio orientate al bene COMUNE.

    Ritengo inoltre che un “confronto propositivo” tra Amministrazione Comunale e cittadinanza possa portare a risultati molto positivi, ma a condizione che tale confronto sia sinceramente animato da effettiva (e non demagogica) serietà d’intenti, assenza di rivendicazioni politiche, disponibilità da parte di tutti ad eventuali compromessi, disponibilità a prendere IMPEGNI su tempistica di analisi e sviluppo di argomenti e loro divulgazione e, ultimo, ma non per questo meno importante, effettivo desiderio di grande concretezza.

    Quindi non solo parole gentili, argomentate, articolate ed ottimi ma sterili propositi, ma confronto frequente e serrato, programmi concreti, impegni scritti, tempi di sviluppo concordati, incontri e contestuali convocazioni dei successivi.

    Proviamo allora ad elencare gli argomenti da mettere sul tavolo (saranno tanti), confrontarci, dar loro priorità, guardarci negli occhi e… “avanzare” con progettualità, determinazione e concretezza per il bene COMUNE.

    Grazie per l’attenzione

    Francesco Archibugi

    P.S.

    Rileggendo, ho notato di aver usato la parola “concretezza” in più punti del mio messaggio.

    Chi ha avuto a che fare con le Amministrazioni Pubbliche, i loro impegni generici, senza scadenze, riportati da un anno a quello successivo con motivazioni le più varie, sa che di concretezza c’è grandissimo bisogno.

    Valga ad esempio l’apprezzabile messaggio del Sindaco del Settembre 2010 (https://www.giglionews.it/2010/09/20/risposta-gli-infissi-al-castello/) che, visto il notevole degrado che possiamo constatare al Castello, è rimasto a mio giudizio nulla più che una mera dichiarazione d’intenti.

    F.A.

  3. Salvatore Sampugnaro

    …..Gent.mo Signor Alberto,la ringrazio per essersi espresso in favore dei miei Desideri…Anzi vedo che anche Lei è un Veterano del Giglio…Dal Cognome,non mi viene in mente,però sicuramente,ci siamo visti e ci conosciamo.Mi associo completamente al Desiderio da Lei espresso…Queste piccole cose,messe assieme fanno le Grandi …C O S E …e dato che Noi al Castello viviamo in …MULTUM IN PARVO…piccoli spazi….per conservare le caratteristiche originali….basterebbe,curare con più presenza ,un’infinita’ di piccole cose .Per esempio,nel parcheggio grande vicino alla Fonte,Non si potrebbe fare una nuova planimetria di parcheggio??A me sembra,che si potrebbero recuperare qualche decina di posti Auto……Quindi dato che al Giglio Castello i posti di parcheggio sono deficitari…Non sarebbe una buona occasione nel rivedere il tutto???Scusatemi,sono sempre solo Miei Desideri che in luoghi di MULTUM IN PARVO,diventano preziosita’,funzionalita’……Caramente la saluto,ancora grazie per avere avuto la cortesia nel rispondere a una mia…D E S I D E R A T A …Salvatore

  4. Alberto Degiovannini

    Mi trovo completamente d’accordo con i contenuti delle lettere degli amici Salvatore e Gabriele per quanto attiene ai desideri da loro formulati e dico questo con tanta tristezza essendo da 46 anni proprietario di un mini alloggio da me fatto ristrutturare ed anche unassiduo frequentatore dell’Isola alla quale mi ha legato e mi lega un sentimento di vero affetto. Ai citati desideri aggiungerei ancora nell’ottica di questi , la richiesta di alcuni modesti interventi di manutenzione stradale di via della Casamatta e della piazzetta su cui si affaccia l’ex locale scuole(ristorante da Maria)interventi già più volte sollecitati anche alle precedenti amministrazioni e consistenti nel rifacimento del manto di copertura pari a pochi maq. Penso che tali opere magari finanziate da qualche ministero, sopratutto se affiancate da un serio lavoro di “cosmesi”edilizia eviterebbe l’attuale deprimente fenomeno di lento degrado del Borgo di Giglio Castello un tempo è ancora oggi famoso per l sua Rocca ,per le sue viste panoramiche mozzafiato, per i suoi angoli suggestivi e per la presenza di un importante patrimonio edilizio storico che è quello che mi ha conquistato.

  5. Salvatore Sampugnaro

    ….Che dire???Il Signor Marino,malgrado rimane solo,soletto nelle sue considerazioni…Annaspa ancora cercando di rimanere a …galla !!!Mi dispiace,da Turista,Lei stà sostenendo una causa persa e strapersa in quanto,mi scuso ancora una volta…Non ha capito i Desideri di chi da tantissimi anni frequenta il Giglio…Il parcheggio al Giglio Castello eccezionalmente non si può assolutamente generalizzare….In conclusione per essere chiari in modo che Lei rientri tranquillo nei suoi luoghi….Al Castello,NON dovrebbero esistere i parcheggi a …Pagamento…perchè appunto lo Spazio di altri parcheggi,non …E S I S T E …Capito?????????Queste sono Desideri,solo Desideri e assolutamente Desideri…….Non c’entra ne Campese ne il Porto…..Forse un giorno vietando l’ingresso della Macchina in questa Meravigliosa Isola,saremo tutti Felici e contenti e nei spazi oggi adibiti alle macchine ,metteremmo dei parchi giochi peer Bambini che non sanno dove giocare e aspettano che non ci siano le corriere per giocare a..palla………….Cordialmente Salvatore…Buon rientro a casa….

  6. Sign Carletti, ad Orbetello chi e’ proprietario di una casa anche se nn e’ residente( ha diritto ad avere un posto auto senza pagare il parcheggio….come i residenti)
    Si va in comune si fa la domanda e si ottiene il permesso di parcheggiare senza pagare…..( naturalmente dobbiamo essere fortunati a trovare un posto libero quando c’e’ il pienone…….
    Saluti , spero di essermi spiegata, e capita.
    Il giglio e’ bello se… …OH…..senti….
    IL MARE…. IL SOLE …LE NUVOLE…

  7. Marino Carletti

    Sig. Salvatore, quello della clamorosa carenza di parcheggi al Giglio è un problema che va avanti da anni ed interessa tutti e tre i centri abitati. I problemi di parcheggio li hanno sia i residenti che i turisti come me ma non capisco perché ci dovrebbe essere una categoria come i “proprietari di seconda casa” che pretenda delle agevolazioni che non hanno gli altri.
    Sig. Giacomo, io forse non conosco alcuni aspetti delle vostre discussioni e magari le vostre questioni personali tra politici locali. Da affezionato turista mi limito a leggere le cose che accadono sull’isola e a commentare in base a quello che so e forse le mie informazioni sono incomplete, ne sono consapevole. Se i miei ragionamenti dovessero disturbare sono pronto a smettere!
    Purtroppo le mie vacanze nella vostra meravigliosa isola sono finite da un pezzo ed un piacevole caffè con lei lo dobbiamo rimandare alla prossima stagione.

  8. Giacomo Biondi

    Caro Salvatore , tempo perso , ed io in tante situazioni ne so qualcosa.
    Per quanto riguarda Lei Sig. (Marino Carletti), avrebbe dovuto ribadire anche l’argomento sui parcheggi,questa sua presa di posizione tassativamente in favore al Comune , come di uguale sostanza nel mio commento al Sindaco relativo al ringraziamento elettorale, mi fa pensare quale sia il suo ruolo nella società Gigliese se ne ha uno.
    Questo suo modo di espressione perentorio, programmato, mi fa riflettere, ma Lei non sarà mica un robot, ma esiste fisicamente? Sono solo pensieri.
    Se Lei frequenta il Giglio , incontriamoci , prendiamo un caffè al Porto, e chi sa mai forse potremmo incontrare anche il Sindaco, offro un caffè anche a lui e poi vediamo se i vostri modi di pensare per l’Isola sono affini.Io non credo dato che conosco il Sindaco , la pensi allo stesso modo.
    Così personalmente vedo di che pasta umana è fatto.

  9. Salvatore Sampugnaro

    Gent.mo Signor Marino,mi dispiace Lei è andato molto oltre…Io non ho mai preteso quello che Lei ha scritto…assolutamente noooooo!!!!Semplicemente i miei Desideri sono riferiti a MAGGIORI CONSIDERAZIONI per i Parcheggi e varie piccole situazioni….Forse Lei Non conosce la criticità dove parcheggiare la macchina al Castello….Per esempio cosa stanno a significare tutti quei parcheggi a pagamento dove il Comune ,prende una minima parte ???Venga al Castello dopo le 18.00 e si troverà a parcheggiare nelle adiacenze del Cimitero….Poi e poi nel mese di Agosto caro Amico …..si faccia una passeggiata a quota 400 mt….Si troverà a girare,girare,girare intorno alle mura del bel Castello…..Stanco,sicuramente parcheggia la macchina in zone poco affidabili e fuori da qualsiasi logica di sicurezza…………I miei Desideri espressi,sono per una maggiore considerazione e senza l’Esclusione assoluta del ..T U T T O …..Felicità a Lei…

  10. Marino Carletti

    Fatemi capire bene il ragionamento del sig. Salvatore. Secondo la sua logica … un gigliese proprietario di casa a Grosseto, Livorno, Roma … dovrebbe avere sconti o agevolazioni in quelle città? Vi risultano sconti a Grosseto, Livorno, Roma o qualsiasi altro comune per i proprietari di seconde case?
    Perché allora li pretendete dal comune del Giglio???

  11. Caro amico dell’Aulla, fiato (anzi tastiera) sprecata. Ai gigliesi non importa nulla di chi ha la casa acquistata o ereditata, a meno che non sia una villa da mantenere e pulire o non si sia Olandesi. Salvo poi lamentarsi che la stagione non è andata bene, che il Castello è tristemente vuoto ecc. ecc. Un consiglio: occhio a farti vedere con la sedia nel vicolo. sono capaci di chiederti il suolo pubblico

  12. Stefano Tiozzo

    Sottoscrivo in pieno quanto scritto dall’amico Salvatore e nei successivi commenti. Ogni volta che lo dico vengo tacciato da terrorista. Noi proprietari di immobili al Giglio siamo buoni solo per pagare le tasse, per il resto siamo trattati come qualsiasi altro turista e dobbiamo solo stare zitti. Possibile che nessuno, Comune e Società di navigazione non possano studiare una tariffa intermedia tra i residenti e i turisti mordi e fuggi per parcheggi e traghetti o altro?

    Stefano Tiozzo

  13. Condivido quanto espresso da Salvatore, solo che i desideri che rimangono disattesi per tanti anni diventano chimere. A sé si avverasse il famoso detto”
    Giglio beato scoglio”

  14. Gabriele Orsini

    Leggo con profonda amarezza quanto scritto e non posso che condividerne ogni parola. Da frequentatore dell’isola da “solo” 44 anni mi associo all’elenco dei “desideri” aggiungendone uno, che riguarda la possibilità di ormeggiare la propria barca al porto. Questa possibilità, che per noi “non residenti” viene tariffata con una cifra UNDICI volte maggiore rispetto a quella dei residenti, quest’anno ha visto l’impossibilità di utilizzo per il mancato ripristino dei pontili dopo la mareggiata dell’ottobre 2018. Conseguenza? Programmi di vancanza andati a monte, spese di preparazione dell’imbarcazione sprecate e tanta, tanta amarezza. Caro Salvatore, frequento quest’Isola da 44 anni, come Te (scusa se Ti do del Tu) ho acuistato un immobile, l’ho ristrutturato e ho cercato di abbellirlo nel rispetto della tutela e del decoro dell’ambiente. Come medico ortopedico ho sempre risposto alle chiamate di tutti, residenti e non, senza mai chiedere nulla in cambio. Speravo potere trascorrere quest’anno le mie vacanze con gli amici come negli anni passati. Non è andata così. Pazienza. Ritornerò al Giglio? Francamente sono perplesso. Sono d’accordo con Te, Salvatore nell’auspicare un Giglio più ospitale, ma Ti dico che non lo pretendo Magnifico, mi accontenterei di rivederlo solo BELLO.
    Un fraterno saluto. Gabriele Orsini

Lascia un commento