Il mio ricordo di Aldo

Il mio ricordo di Aldo

Caro Aldo, o, meglio, Aldo “capa tosta”, così ti chiamavamo con la dolce Ebe, per quel carattere forte, volitivo, tenace, quello di chi ha combattuto e vinto sulle mareggiate della vita. Caro Aldo, era mia abitudine lasciarvi sul tavolo della cucina di via Tiziano un biglietto con un pensiero, un grazie e un saluto all’incontro successivo. Quando la sera vi chiamavo per confermare che ero arrivata a Pisa sana e salva lo avevate già letto e lo commentavamo insieme.

Così facevamo con Chiara, come quando vi scrivemmo la poesia che hai voluto inserire nel tuo libro; così ho continuato a fare nei miei soggiorni gigliesi da sola.

Ricordo in particolare uno di questi “biglietti”; diceva più o meno così:

“Sono venuta al Giglio sempre d’estate, con il sole e il caldo, stavolta ho visto arrivare l’autunno e mi porto nel cuore un’immagine: la sera nei vicoli, le pietre bagnate dalla pioggia che luccicano sotto ai lampioni, a passi lenti mi accompagnate a casa, siamo noi tre a braccetto, circondati dal silenzio: io in mezzo ai miei angeli custodi.”

È proprio vero che non serve essere parenti per affezionarsi e voler bene. Volervi bene è stata una cosa fin troppo naturale, Dante dice: “amor ch’a nullo amato amar perdona”: chi ama non può che attirare amore, essere ricambiato, e voi di affetto ne avete per tutti. Siete persone speciali. Oggi non posso essere fisicamente presente e mi dispiace tantissimo, Aldo, spero mi perdonerete. 

Ci sono con il cuore e il pensiero.

Gli occhi, che si illuminavano orgogliosi quando raccontavi di Cecchino, della pesca, dei vostri viaggi, di Milano e di tutti gli amici, da oggi brillano ancora più intensamente.

Aldo, sei una stella, la stella più “capa tosta” del firmamento, e stasera ti vedrò dall’oblò di questo aereo, ti sarò di qualche metro più vicina, chiuderò gli occhi e immaginerò di essere in cantina a seguire il tuo sorriso, la voce e la chitarra mentre intoni “sono gigliese e canto”.

A Ebe dico solo: a presto, ti abbraccio forte.

Print Friendly, PDF & Email

Controlla anche

aldo aldi ricordo isola del giglio giglionews

Addio all’amico Aldo Aldi

Addio all’amico Aldo Aldi, castellano, figlio di Cecchino e Novemia e marito di Ebe “Sono …

Lascia un commento