Home / news / News Isola del Giglio / Consiglio Comunale il prossimo 23 Agosto 2020

Consiglio Comunale il prossimo 23 Agosto 2020

stemma comune isola del giglio giglionews

Comune di Isola del Giglio
Provincia di Grosseto

CONSIGLIO COMUNALE IL PROSSIMO 23 AGOSTO 2020

Si comunica che, in relazione al disposto del titolo III del D. Lgs. 267/2000 e smi, il Consiglio Comunale è convocato in seduta straordinaria in prima convocazione per le ore 18:00 del giorno 23 agosto 2020, ed in seconda convocazione per le ore 21:30 del giorno 25 agosto 2020, in collegamento da remoto, nel rispetto della disciplina di cui all’allegato “A” del Decreto del Sindaco n. 3 del 7 maggio 2020:

  1. Approvazione verbali della precedente seduta consiliare del 18 luglio 2020;
  2. Variazione di Bilancio n. 1/2020. Ratifica.

Ai componenti dell’organo collegiale verrà trasmessa una e-mail entro le ore 15.30 del giorno precedente quello in cui si terrà la seduta al fine di poter organizzare l’attivazione delle procedure di collegamento.

Si richiamano inoltre al riguardo le disposizioni del Decreto Legislativo 18.08.2000, n. 267, dello Statuto Comunale e, per quanto applicabili nel caso di collegamento da remoto, del Regolamento per il funzionamento del Consiglio Comunale.

IL SINDACO
Sergio Ortelli

Print Friendly, PDF & Email

Controlla anche

incontro scuola scuole anno scolastico isola del giglio comune giglionews

Incontro sulla scuola il prossimo 9 Settembre

Comune di Isola del Giglio Medaglia d’Oro al Merito Civile Provincia di Grosseto Il Sindaco …

13 commenti

  1. Fabio Malanima

    Buongiorno,
    leggo con interesse e, se mi è consentito, mi piacerebbe chiudere questa “battaglia” con una chiosa:
    ANDREA ARIENTI è persona ben nota per gigliesi e non;
    DOMENICO SOLARI è persona ben nota che, in ogni occasione, si lascia identificare in modo molto corretto;
    MARTINA FRANCANIZ non è persona nota e, forse, se per dare corpo alle sue esternazioni ci mettesse la faccia sarebbe molto più corretto.
    Un saluto

  2. Martina Francaniz

    Sono intervenuta soltanto due volte su questo giornale, a differenza sua sig. Arienti, ed in entrambe le circostanze ho detto la mia solo su questioni giuridico/legali che poi è il campo su cui ho più competenza in quanto, come detto, esercito la professione di “azzeccagarbugli” (come ironicamente ci definiamo tra colleghi).
    Sarò un po’ saputella, per naturale deformazione professionale, ma non certo tuttologa e nel campo della “tuttologia” francamente credo che lei sia quasi inarrivabile. Stia tranquillo che in quell’ambito nessuno le potrà mai togliere il primato! 🙂
    La saluto con estrema simpatia, rinnovandole l’invito a fare come me ed imparare a non prendersi troppo sul serio!

  3. Andrea Arienti

    Se lo dice lei che è una brava azzeccagarbugli, ha detto tutto, appunto saputella e tuttologa. Grazie per la conferma, troppo gentile.

  4. Martina Francaniz

    Cosa risponderle sig. Arienti? Basta scorrere i commenti degli ultimi mesi su questo giornale per capire chi tra noi due è più tuttologo e saputello! Io, da brava azzeccagarbugli, mi limito ad intervenire ogni tanto solo sugli argomenti che conosco, evitando clamorose gaffe 🙂 …

    Buona giornata …

  5. Andrea Arienti

    Alla Francaniz cosa rispondere? Probabilmente non sa leggere e quindi non capisce. Tuttavia gioca a fare la saputella tuttologa con le sue battutine senza senso. Complimenti e buona serata.

  6. Martina Francaniz

    Mamma mia come siamo permalosi sig. Arienti! Non pensavo che la mia osservazione l’avrebbe irritato tanto. Non bastava ammettere la clamorosa gaffe e riconoscere che quel consiglio è perfettamente legittimo?
    Invece, con atteggiamento tipico del bambino colto con le mani nella marmellata, cambia discorso e si avventura in patetiche supposizioni sulla mia identità, sulla mia presunta “partigianeria”.
    Non c’è bisogno di volare così alto, basta prendersi un po’ meno sul serio!

    Buona vita anche a lei sig. Arienti

  7. Andrea Arienti

    Signora Francaniz! Ammetto di aver fatto un errore, dimenticando la proroga, non sono perfetto e porgo democraticamente e sinceramente le mie scuse. Ammettere i propri errori significa spessore e parecchio; la sua una battuta, diciamocelo onestamente, becera! Ma come mai i precedenti consigli comunali non sono avvenuti in video? E la scusa che il segretario non poteva venire? Lo spieghi lei signora Francaniz! Alla persona che si firma Martina Francaniz, cioè la cittadina Martina Franca con l’aggiunta di una niz: da come scrive solo lei crede di spendere e spandere „pillole di saggezza“ condite da retorica purtroppo arrogante e scialba. Dal suo cognome non è del Giglio, sconosciuta qua, ma fa capire di avere grande ammirazione per il sindaco Ortelli, la sua Giunta e la sua Maggioranza. Perché no! La ringrazio comunque di leggere quello che scrivo, come lei dice, „ogni giorno“. Non scrivo ogni giorno, stia più attenta! Si meraviglia della mia disattenzione e non si rende conto della sua! Ma il fatto che lei sia così attenta alle vicende isolane, il tifo sviscerato nei confronti di questa amministrazione comunale fanno sorgere un dubbio: ma lei è isolana gigliese che si nasconde? Martina Francaniz è veramente il suo nome e cognome? O ne ha un altro? Buona giornata, Martina!

  8. Domenico Solari

    Apprezzo la tempistica della risposta alla mia del 23/08/2020 e la puntualizzazione sulla opportunità per i cittadini interessati di poter venire a conoscenza dei lavori della Seduta “Semplificata” del Consiglio, seppur in differita, attraverso la visione del file audio-video sul sito istituzionale.
    Deve Lei, tuttavia, dare atto che nella comunicazione alla Cittadinanza della suddetta Convocazione “in collegamento remoto”, a Sua firma e diffusa attraverso la testata telematica GiglioNews.it, non vi fosse alcun accenno a tale opportunità per i cittadini.
    Le chiedo di far sì che le modalità pratiche di accesso ai file audio-video delle “Sedute Consiliari Semplificate” siano portate a conoscenza della Cittadinanza, anche attraverso gli stessi canali telematici usati per diffondere le Comunicazioni della Amministrazione Comunale.
    Dalla Sua risposta capisco, condividendo, che in una situazione di stato di emergenza Covid-19 siano state adottate le misure più opportune per il contenimento del contagio, tuttavia non concretizzo in questo contesto la necessità della Seduta Consiliare Semplificata del 23 u.s..
    Di tale possibilità/evenienza non era stato fatto alcun cenno neppure durante il precedente Consiglio Comunale del 18 luglio 2020 al quale non pochi Cittadini hanno partecipato nel pieno rispetto di tutte le necessarie cautele nazionali e locali in essere.
    Quindi, come anche suggerisce Andrea Arienti nel suo commento, che condivido, se il reale motivo di tale “Speciale” convocazione (la domenica alle ore 18:00!) è stato quello della impossibilità della presenza sull’Isola del Segretario Comunale, non era più semplice indire la Seduta Straordinaria in una più congrua data di un precedente giorno feriale, così come sarebbe stato fatto in tempi ante pandemia coronavirus? Oppure, se la motivazione risiede nei pochi punti all’ordine del giorno, ci sarà da aspettarsi che nel futuro, nel perdurare delle attuali condizioni emergenziali, altri Consigli Comunali verranno tenuti in remoto?
    Le faccio notare che la Sua risposta contiene seguenti imprecisioni:
    a) Il sottoscritto non è componente della lista “Progetto Giglio”, tanto che nel 2019 non mi sono presentato in alcuna lista elettorale. Sono un cittadino contribuente del Comune di Isola del Giglio, gigliese “di nascita”, al quale sta a cuore il “benessere” dell’Isola, tanto quanto a quello delle future generazioni.
    b) In quanto alla partecipazione da cittadino interessato ai Consigli Comunali, Le assicuro di essere mancato, presente sull’Isola, difficilmente. Lei sa benissimo che durante questo ultimo anno ho trascorso la maggior parte del mio tempo “sull’Isola” e mi sono adoperato anche per importanti questioni di interesse pubblico. Quindi la mia presenza ai Consigli non è dovuta solo ai mesi estivi, come fu, Le ricordo, durante il Consiglio del 4 gennaio 2018, quando insieme ad altri cittadini fui invitato ad abbandonare la Sala Consiliare in occasione di un Consiglio “Secretato”.
    Nella convocazione, l’esclusione della presenza dei cittadini e la mancanza di informazioni pertinenti alla Seduta, mi ha fatto supporre che quella del 23 agosto u.s. fosse del tipo “Secretata”.
    Concludo ricordandoLe che:
    1) Aspetto la pubblicazione delle modalità dettagliate di accesso ai file audio-video dei Consigli Comunali effettuati “in modalità remoto”
    2) Aspetto ancora la risposta alla mia lettera aperta a Lei indirizzata e pubblicata sulla testata telematica GiglioNews.it il 06 agosto u.s., concernente i lavori alla Cala del Bagno del Saraceno e della quale, di nuovo per Sua conoscenza, invio una copia al presente in allegato.

    Distinti saluti
    Domenico Solari

  9. Martina Francaniz

    No … ditemi che non è vero! Non posso e non voglio credere che il sig. Arienti sia incappato in una così clamorosa gaffe! Proprio lui che ogni giorno dispensa “pillole di saggezza” condite di retorica. Proprio lui che accusa gli altri di incompentenza!
    Come può non sapere, da politico locale esperto quale mi sembra di capire sia, che il GOVERNO lo scorso fine Luglio ha prorogato lo Stato di Emergenza fino al 15 Ottobre??? Ne hanno parlato tg e giornali per settimane intere!
    Come si può vivere così fuori dalla realtà?
    Certo che se questi sono lo spessore e la competenza degli avversari politici, il Sindaco Ortelli, la sua Giunta e la sua Maggioranza possono dormire sonni tranquilli e continuare a governare l’isola per altri 10 mandati! Altro che dimissioni … 🙂

  10. Andrea Arienti

    Alcune osservazioni secondo precise informazioni.
    Il sindaco Ortelli dimostra di non conoscere bene o solo come vuole lui l’art. 73 del D.L. n. 18/2020, che stabilisce “al fine di rispondere alla situazione di emergenza, ossia per evitare gli assembramenti durante le sedute del consiglio comunale, aperte al pubblico, o di giunte numerose, e comunque per assicurare il motto “resta a casa” del Governo.it, per tutto il periodo emergenziale («e fino alla data di cessazione dello stato di emergenza deliberato dal Consiglio dei ministri il 31 gennaio 2020») consente, in assenza di norme regolamentari, ai consigli dei comuni, delle province e delle città metropolitane e le giunte comunali, di svolgere le sedute in videoconferenza”. Chiaro? Ma andiamo oltre.
    Sempre nella delibera del Consiglio dei Ministri del 31 gennaio 2020, avente oggetto: «Dichiarazione dello stato di emergenza in conseguenza del rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili», si stabilisce che «In considerazione di quanto esposto in premessa, ai sensi e per gli effetti dell’articolo 7, comma 1, lettera c), e dell’articolo 24, comma 1, del decreto legislativo 2 gennaio 2018, n. 1, è dichiarato, per 6 mesi dalla data del presente provvedimento, lo stato di emergenza in conseguenza del rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili».

    Ciò significa che la convocazione straordinaria del Consiglio Comunale in videoconferenza adottato dal sindaco con riferimento alla Delibera del Consiglio dei Ministri 31 gennaio 2020 è viziata da incompetenza, poiché il termine dei sei mesi era terminato lo scorso 30 luglio.

    Se il problema, come dice il sindaco, era il segretario comunale impossibilitato a raggiungere l’Isola entro il 24 agosto (termine di scadenza) era sufficiente che lo stesso sindaco anticipasse la data di convocazione del Consiglio Comunale di una decina di giorni e tutto poteva svolgersi secondo le regole comuni. Ma non lo ha fatto: ci può dire perché?

    Inoltre è quindi del tutto naturale e logico ritenere che anche l’unica delibera riguardante il bilancio comunale, abbellita da rettifica, potrebbe essere impugnata e invalidata con relative conseguenze in termini giuridici, economici e politici.

  11. Sergio Ortelli

    Egregio Ingegnere,
    come già ribadito al Signor Prefetto nella risposta di due giorni fa, nel periodo dello Stato di Emergenza, costituito dalla pandemia da Covid-19, il Governo ha adottato nuove misure per il contenimento del rischio di contagio favorendo comportamenti che, nel pieno rispetto della normativa nazionale e delle disposizioni locali, contribuiscano al contenimento della pandemia in corso. La seduta consiliare convocata per ieri, domenica 23 agosto 2020, in modalità da remoto come da Decreto istitutivo, aveva pochi punti all’ordine del giorno e in particolare si occupava della ratifica di una variazione di bilancio già adottata dalla Giunta Municipale la cui scadenza, prevista per il 24 agosto, non avrebbe consentito al Segretario di essere sull’isola nei tempi previsti. Non entro nel merito della dichiarata “assidua partecipazione” ai consigli comunali, avendola notata solo nelle sessioni estive tra il pubblico, e perché non è questa la ragione della risposta. Credo che non avrebbe avuto difficoltà, essendo componente della lista “Progetto Giglio”, ad assistere al Consiglio comunale assieme ad uno dei consiglieri vicini al suo gruppo politico. Ma come lei ben saprà la Minoranza ha disertato il consiglio che, ripeto, è legittimo sotto ogni profilo. Per Sua informazione, l’Amministrazione procederà comunque, trattandosi di una seduta consiliare in forma “semplificata”, alla pubblicazione del file audio-video sul sito istituzionale che sarà visionabile, per la massima trasparenza, da chiunque ne sia interessato. In quanto ai “consigli secretati”, da lei ostentati, si è già espresso il Difensore Civico, dando piena ragione al Sindaco, e quindi non intendo più tornare sulla vicenda, comprensibilmente ritenuta strumentale e sterile.

  12. Domenico Solari

    Gentilissimi
    Sig. Sindaco
    Sig. Segretario Comunale
    Sig. Responsabile Settore Affari Generali – Segreteria
    del Comune di Isola del Giglio

    e Loro indirizzi istituzionali di posta elettronica

    e p.c
    Spett.le Redazione GiglioNews.it

    Da cittadino assiduo partecipante ai Consigli Comunali chiedo quali siano per il pubblico le modalità di accesso informatico ai lavori dell’odierno Consiglio convocato “in remoto” e presentato per stampa telematica.

    Mi si permetta, comunque, di evidenziare che la modalità “in remoto” esclude, a priori, la maggior parte dell’elettorato e di altri cittadini interessati alla conoscenza delle fondamentali attività amministrative legate al dibattito pubblico fra i diversi soggetti componenti il Consiglio Comunale.

    Qualora non sia possibile assistere ai lavori odierni, chiedo i motivi della esclusione del pubblico al Consiglio odierno “di fatto da considerarsi Secretato”, come accaduto di recente e nel passato.

    Ringraziando per una tempestiva risposta,

    distinti saluti
    Domenico Solari

  13. Andrea Arienti

    Di nuovo una farsa, autore il sindaco Ortelli che convoca un Consiglio Comunale in seduta straordinaria in prima convocazione per le ore 18:00 del giorno 23 agosto 2020 e in seconda convocazione per le ore 21:30 del giorno 25 agosto 2020, per:
    1. Approvazione verbali della precedente seduta consiliare del 18 luglio 2020;
    2. Variazione di Bilancio n. 1/2020. Ratifica.
    La variazione di bilancio sembra essere solo una scusa per non parlare, come oramai è uso e costume della Giunta Comunale e dei consiglieri di maggioranza, di problemi seri esistenti non risolti sia per incapacità, e non si può pensare diversamente, sia per negligente arroganza di chi ha sempre sbandierato “noi siamo i partiti del fare“.
    Siamo nel ridicolo! E la farsa prosegue “Ai componenti dell’organo collegiale verrà trasmessa una e-mail entro le ore 15.30 del giorno precedente quello in cui si terrà la seduta al fine di poter organizzare l’attivazione delle procedure di collegamento“, dando ai consiglieri della minoranza (per gli altri non ci sono problemi: faranno a domanda risposta già preconfezionata o sì o no) solo 24 ore per capire di che si tratta e prepararsi alla video-conferenza.
    Solo per citare alcune problematiche: la pavimentazione dei paesi in particolare al Castello perde pezzi in continuazione, come al Porto dove il 18 Agosto di fronte alla Toremar è successo un mezzo disastro; la sporcizia dovuta è anche vero alla maleducazione delle persone ma molto di più a chi invece di spazzare raccoglie solo cicche di sigarette in qua e là; topi che circolano specie al Castello per i vicoli; assembramenti e mancanza di osservanza delle regole in questa situazione di corona virus nelle strade, sulle SPIAGGE, nei bar (abbiamo coerenti esempi: il SINDACO che si lascia fotografare senza MASCHERINA nonostante la sua ordinanza con i segretari provinciali e comunali fuori i Lombi o come finora ha sempre fatto un CONSIGLIERE DELLA MAGGIORANZA che siede, non parla, si muove in giro di continuo ma la MASCHERINA NON LA PORTA e nessuno dice niente); l’isola che sembra essere diventata il refugium peccatorum per navi piene zeppite con persone una accanto all’altra senza un minimo di buon senso; si potrebbe seguitare per dieci anni minimo a elencare le situazioni e le motivazioni per le quali indire un CONSIGLIO COMUNALE STRAORDINARIO. Chi può darci una risposta per risolvere tali problematiche? Il Prefetto? Qualche organo di potere? Qualche giornalista che dovrebbe guardare di più e meglio alla realtà socioeconomica e culturale dell’isola invece di scrivere solamente quanto il Giglio è bello? Noi Gigliesi lo sappiamo e da sempre.
    Un buon mercoledì a tutti con l’augurio che SINDACO, GIUNTA e CONSIGLIERI DI MAGGIORANZA SI DIMETTANO!

Lascia un commento