Suggerimenti per l’isola

Scrivo su Giglio News con la speranza che altri possano unirsi a me affinché la nuova amministrazione possa rendere l’isola più accogliente e “al passo con i tempi”.

isola del giglio castello giglionewsAl Giglio Castello ci siamo accorti con sconcerto che in piazza il tabaccaio non vende più giornali. Cosa devono fare i residenti e i turisti che vogliono comprare un quotidiano? Fare 4 o 6 chilometri per andare al Porto o al Campese? Comodo per chi soggiorna al Castello! Se vanno al porto devono trovare un parcheggio, entrare al porto e a quel punto diventa una tale complicazione che non solo compreranno il giornale ma faranno anche la spesa. A questo punto è l’equilibrio del Castello che viene scombinato perchè non solo il tabaccaio che vendeva i giornali avrebbe avuto l’occasione di vendere anche gli altri articoli, ma i negozi di alimentari ne saranno danneggiati e anche i vari bar. L’informazione è importante per un paese e per il turista rappresenta un servizio fondamentale, che deve essere facilmente accessibile. Non è accettabile che in un paese che e’ sede del Comune  non si possano acquistare giornali. Non solo, ma era un punto di incontro per quelli che abitano dentro il Castello e quelli che abitano fuori le mura essendo la piazza accessibile a tutti.

Altra cosa: la Mare Giglio lo sa che esistono il bancomat e la carta di credito? È incredibile non offrire questi servizi ad un’isola così turistica…peraltro ne hanno l’obbligo! Forse non leggono i giornali!!!

Vorrei concludere con una nota sulle strade … qualcuno degli amministratori è stato recentemente all’Arenella? Dico, fino in fondo? Be’ consiglio di andarci e giudicare da soli la condizione della strada (buche pericolose anche per i bambini, parcheggi solo per fuori strada). E già che ci sono potrebbero anche vedere il tronco gigante sulla spiaggia (prima o poi qualcuno si farà male e forse, dopo una denuncia, verrà fatto qualcosa) e le alghe che invadono la pochissima spiaggia libera che vi è rimasta (che rilasciano un odore poco gradevole)…

Non roviniamo il bello che abbiamo in Italia, valorizziamolo!!… non stiamo parlando di governare una metropoli ma una piccola isola che comunque è piena di stranieri e, a maggior ragione, deve essere in grado di presentarsi bene ed essere accogliente sotto tutti i punti di vista.

Felice

Print Friendly, PDF & Email

Controlla anche

locandina stagnatacce isola del giglio castello giglionews

Tutti in piazza oggi con le “stagnatacce di Sant’Andrea”

Tutti in piazza oggi con le “stagnatacce di Sant’Andrea” La Pro Loco di Isola del …

2 commenti

  1. Scrivo a nome di alcuni “turisti “che vengono da molti anni a passare le vacanze al Giglio e che sentono la gravità del problema dei giornali al Castello.

    Comprendiamo le difficoltà di gestire questa attività ma un paese senza la vendita di giornali è come un paese a metà e questo sicuramente porterà ad uno squilibrio anche in tutte le attività commerciali vicino e intorno alla piazza. Si parla tanto di offrire servizi in questo momento difficile dell’economia e ora anche questo aspetto della qualità della vita viene a scadere e il Castello è ancor più penalizzato essendo non vicinissimo al mare.
    Decine di persone trascorrevano le ore della mattina al Castello proprio nell’acquisto del giornale, nel caffè al bar e nello scambio di saluti e idee. L’equilibrio di una vacanza scandita da tranquille abitudini è completamente stravolto.

    Speriamo vivamente che il tabaccaio possa avere un ripensamento almeno per i mesi estivi. Anche a Campese la vendita dei giornali si limiti solo nei mesi estivi così come succede in quasi tutte le località di villeggiatura d’Italia.
    Crediamo e speriamo che almeno in estate vendere i giornali sia remunerativo abbastanza da giustificare la vendita.
    Così come paghiamo un prezzo maggiorato per benzina e quant’altro, si potrebbe pagare una maggiorazione sul prezzo ordinario di vendita di giornali e riviste. Non e’una follia, né un qualcosa di disonorevole.

    Speriamo che altri si uniscano a noi in questa richiesta in modo che il Castello possa ritrovare l’atmosfera magica che attrae tanti turisti e che in questo frangente è decisamente offuscata. A proposito, dove si possono mettere le firme per la petizione di Uto Ughi?

    Cari saluti a tutti, isolani e turisti

  2. Maurizio Scholl

    Ma che si lamenta a fare caro sig. Felice, il suo intervento non fa altro che danneggiare l’immagine dell’Isola. Se non le sono sufficienti i meravigliosi tramonti, il mare pulito, l’aria frizzantina del Castello …. non l’ha mica obbligata nessuno a scegliere il Giglio come meta delle sue vacanze. I POS? Che roba sono.. ringrazi l’amministrazione Ortelli 1.0 se ancora resiste il bancomat.

    Per quanto riguarda il dissesto dell’Arenella è già stato scritto. Scorra sul “Dite la Vostra” e troverà un intervento dal titolo ” L’ Arenella dimenticata atto 1 e 2″ per il deflusso delle acque piovane.
    Già che si trova dia anche uno sguardo al taglio,loro la chiamano potatura, degli eucalipti e cipressi alle Cannelle. Trova qualcosa anche in news. Nessuna risposta dalla Amministrazione Ortelli 1.0 e Ortelli 2.0.

    Non sappiamo neanche se i rifiuti vegetali sono stati smaltiti a termine di legge o buttati nel primo fosso per il deflusso delle acque piovane. Dove sono le bolle che provano il regolare smaltimento dei rifiuti vegetali?

    Non si lamenti Felice. E non protesti, rischia di irritare “qualcuno”. Se le sta bene è così, altrimenti non ci venga più al Giglio.

Lascia un commento