"Costantino vive" - La poesia di Tonino

Al grande amico di mio padre Cagnara, con infinito affetto. Tonino

COSTANTINO VIVE

costantino fanciulli poesia tonino ansaldo isola del giglio giglionewsEccolo, di lontano spunta.
Rolla che par sempre a cavallo d’onda.
Lento e’ il pie’ per terra
regge quel corpo in danza
mosso da torte gambe.

Eppure forti braccia e le mani restono
che i remi e le cime
hanno di calli, fatte di legno.

Ora qui s’appuntella,
chiuse le braccia a treccia
s’appuntella al bianco granito di molo,
s’appuntella come a capo di banda.
Come prima a bordo,
copia solito il suo stare.
Ora qui, lo vuole il mare.

D’un mondo, ricorda le terre toccate,
le razze d’ogni color conosciute.
Dove l’orma sua, salda ventosa in coperta,
sorella nei porti d’ogni paese
dal clima, favella diversa.

Ora stanca quell’orma l’isola onora.
Ora stanca quell’orma poggia
dove candido sasso l’alza in trionfo.
Senno’ vecchio sarebbe lontano assente.

Lontano lassu’
sotto i cipressi ai pie’ del Castellari.
Voi di mar forti, posti lì,
come Cristi su gli altari.
Vostra la croce, il mare.
Ma presto a poppa
col singolo berretto
e il diace tra i calli stretto
tu solo, e bravo
il mar c’insegnerai.

Sangue dei calafati.
Pari a quei giganti immortalati.
Ti ricordero’.

Tuo Antonio (come ti piaceva chiamarmi)