“Và-ssù”, la poesia di Tonino

Ci sono notizie che nella loro apparente semplicità, illustrano invece un momento di grande significato per la vita di un paese e della sua comunità.
La notizia “L’ultimo raglio del somaro” è certamente una di queste; lo testimoniano i numerosi commenti giunti alla vostra Redazione a riguardo.
Ricordi e racconti che – protagonista questo simpatico animale – richiamano eventi e circostanze che fanno parte della storia stessa dell’Isola.
Una notizia quindi profondamente significativa, che non poteva trovare migliore raffigurazione nei ricordi che l’animo sensibile dell’amico Tonino ha raccolto nella sua ultima bellissima poesia, trasmettendoci e facendoci condividere tutta la sua emozione.
Nell’implorazione “Non ci lasciare” credo ci sia racchiusa tutta la tristezza di questo evento, che rappresenta un pezzo di storia dell’Isola che se ne va.

VÀ – SSÙ
di Tonino Ansaldo

Non ci lasciare,
caro fido asino d’amare.

Non ci lasciare,
derisa bestia, dal tuo modo fesso
l’unico che il pendio di coti solca
vietato ad altri l’accesso.

Non ci lasciare,
pieno sempre di fieno
e d’uva in groppa
quel che porti
presto sarà vita e nettare
in una coppa.

Non ci lasciare,
nel giorno dell’unico Patrono
sei oggi ridicolo corsiere
a te sopra
fantini e rioni, bambini e bandiere.

Non ci lasciare,
mite sguardo e pio
che noi tutti dobbiam copiare.

Non ci lasciare,
storia d’un isola
leggenda d’un mestiere antico
fratello dell’ansonaco vino.

Ed ascoltalo ancora
mentre ti bastona
e rozzo con amor comanda … và – ssù.

Print Friendly, PDF & Email

Controlla anche

mezzi nautici asta parco isola del giglio giglionews

Prorogata la vendita di un mezzo nautico del Parco

Prorogata la vendita di un mezzo nautico del Parco Si proroga al 5 dicembre 2019 …

3 commenti

  1. Antonio Malanima

    Bellissima. Non ci trovo niente di malinconico e, sopratutto, non fa illudere gli ultimi romantici ma, mi auguro, faccia riflettere i giovani giglesi che se oggi girano per il Giglio (12 km di strada) con roboanti SUV o Spider o Coupè lo debbono ai loro antenati che hanno detto non una ma mille volte và-ssù.
    Fabio

  2. STEFANO ANSALDO

    Bellissima, un marchio di fabbrica per Tonino. Veramente complimenti. Bravo!

  3. Palma Silvestri

    profonda e commovente, ma quel tipo di società ci ha lasciato da tanto tempo. Siamo noi, ultimi romantici di una storia che abbiamo condiviso, a volerci illudere… con malinconia.

Lascia un commento