La Giornata 1 nei time-lapse delle webcam

La Giornata 1 nei time-lapse delle webcam

refloating costa concordia rimozione isola del giglio giglionewsE’ giunta quasi al termine la prima giornata di operazioni del progetto di rigalleggiamento Costa Concordia dalle acque dell’Isola del Giglio. La nave adesso, dopo il sollevamento di circa 2 metri nella mattinata, è stato spostato verso est con la prua raggiungendo quasi la posizione finale, in attesa che l’ultimo cavo di ritenzione poppiero sia rilasciato alla giusta distanza.

Entro qualche ora i 12 “uomini d’oro” al comando di Nick Sloane sbarcheranno a terra dalla Decision Room per un meritato riposo in vista della giornata di domani in cui alcuni cassoni sul lato dritto della nave saranno pian piano allineati a quelli del lato sinistro.

Ripresi i collegamenti, rimane divieto balneazione spiaggia Demo’s – Nel frattempo, alle 16, sono ripresi i collegamenti dei traghetti con la terraferma. Ne danno notizia il Comune ed il Commissario delegato per l’Emergenza, prefetto Franco Gabrielli. Sono quindi confermate le corse previste delle ore 16.00, 17.00, 18.00, 19.00 con partenza da Isola del Giglio e le corse delle ore 16.30, 17.30 e 19.30 con partenza da Porto Santo Stefano. Permane, in via precauzionale e cautelativa, il divieto di balneazione per la durata delle operazioni nella spiaggia in prossimità del Demo’s Hotel

In 2 time-lapse di 60 secondi, realizzati da Giovanni Ciriani attraverso 9 ore di immagini delle nostre webcam, il riassunto della giornata:

Controlla anche

pulizia fondali relazione quindicinale gabbianara costa concordia isola del giglio giglionews

Pulizia fondali: relazione quindicinale 16 – 30 Aprile

Pulizia fondali: relazione quindicinale 16 – 30 Aprile Pubblichiamo di seguito la relazione quindicinale, elaborata …

2 commenti

  1. Attilio Regolo

    Continuo a trovare inspiegabile quello che si vede chiaramente nei video proposti da Ciriani e cioè quella notevole emersione di spazi vuoti di potenziale spinta di galleggiamento inutilizzati e inutilizzabili come se praticamente potessero essere stati sufficienti cassoni alti di poppa e di prua di soli 20 mt di altezza anzichè 30 e cassoni bassi intermedi di 10 mt anzichè 20 per portare la Concordia ai previsti 18.5 mt di pescaggio di progetto.
    M allora con quei cassoni effettivamente montati alti rispettivamente quasi 30 e 20 mt ma più opportunamente posizionati si sarebbe potuta alzare la nave nettamente di più di quanto ci si accinga ad ottenere nell’attuale operazione di refloating?

Lascia un commento