Home / news / News Isola del Giglio / Addio a Maria dal cuore d’oro: piange il mondo della ristorazione gigliese

Addio a Maria dal cuore d’oro: piange il mondo della ristorazione gigliese

Addio a Maria dal cuore d’oro: ha gestito con il  marito il noto ristorante DA MARIA a GIGLIO CASTELLO

Lutto nel mondo della ristorazione gigliese. E’ scomparsa Maria Centurioni, già titolare del celebre ristorante DA MARIA a Giglio Castello.

Sono convinto che tutti i gigliesi ed i tanti tantissimi turisti si stringeranno attorno alla famiglia.  A darne l’annuncio i figli Caterina ed Angelo: “Non sarà semplice andare avanti senza di lei e la sua energia contagiosa”.

Maria era molto conosciuta  ed apprezzata sull’Isola (e non solo). Attenta e professionale, si preoccupava di anticipare le richieste dei clienti abituali e dispensava a tutti la sua cortesia ed il suo buonumore.

Le esequie si terranno martedì 14 luglio presso la Chiesa di San Pietro Apostolo a Giglio Castello, alle 17,00

Una donna di una grande bontà d’animo e ai fornelli un’ottima cuoca. Il ristorante, specie nella stagione estiva, era sempre pieno, non solo per la ottima cucina ma anche perché sapeva accogliere i clienti facendoli sentire a casa loro. Ad aiutarla nell’attività per tantissimi anni, il marito Peppe i figli Caterina e Angelo, insieme al cognato Memmo ed ai nipoti Aroldo e Mario.

Da qualche tempo si trovava a Grosseto per curarsi da una grave e inesorabile  malattia che l’aveva gravemente colpita. Maria ha lottato come una guerriera affrontando la malattia che l’aveva svuotata nel  fisico e nei ricordi, quelli che restano indelebili nei gigliesi e nei tantissimi turisti che hanno avuto la fortuna di conoscerla.

Alla famiglia porgo le più sentite condoglianze.

Attilio Brothel – ex sindaco

morte maria centurioni ricordo isola del giglio giglionews
Print Friendly, PDF & Email

Controlla anche

paradiso finanziamenti corruzione brothel minoranza isola del giglio giglionews finanziamento

Brothel: “Isola del Giglio, paradiso COVID-free”

ISOLA DEL GIGLIO, paradiso COVID-free in terra Ritenendo di fare cosa utile e gradita, invio, …

12 commenti

  1. Con grave ritardo, apprendo questa dolorosa notizia. Maria è stata una donna che ha lasciato un’impronta profonda nella vita quotidiana e nella storia della sua isola degli ultimi decenni. Per la calda umanità che contagiava chiunque la conoscesse. Per i gigliesi, orgogliosi di un locale che, per molti anni ha consentito di pensare che Giglio e buona cucina fossero sinonimi. Per migliaia, decine di migliaia di non gigliesi che nel corso dei decenni hanno associato l’isola al suo nome. Ognuno si porterà dietro suoi personali ricordi, uniti tutti da quel senso di umaniità che è una virtù che non appartiene a tutti

  2. Che dire, il sapore dei suoi piatti è un ricordo che mi accompagnerà per il resto della mia vita come non ricordare lo squisito coniglio, la fragranza della frittura, lo spaghetto alla pirata e il sontuoso risotto alla pescatora per me non c’era un’altro posto in Maremma dove mangiarlo più buono, ricordo le occhiate fresche della mattina pescate dal genero Fabio che lei mi consigliava, il vino ansonico di Beppe. ….quanti ricordi, per me il migliore ristorante (insieme a Balbo di Scarlino ) frequentato da noi della sip (o sippe 😁 come diceva suo marito Beppe) povera Maria, grande cuoca e grande persona buona e generosa solo il conto per noi colleghi era modesto! R.I.P

    Bruno Mauro, ex dipendente SIP di Orbetello

  3. Francesco Sabatini

    Quando entravi nel loro ristorante, era come entrare in casa propria.
    Il sorriso di “Beppe e Maria”, ti accoglieva, non da cliente, ma da amico di lunga data.
    E poi c’era “Memmo e Angelo, con Caterina ed il marito, (pescatore, che non ricordo il nome), che facevano da contorno, ad un quadro di famiglia affabile e generosa.
    Per sempre, per me, rimane un ricordo indelebile, di quando, ai tavoli, tutti occupati, mi facevano accomodare, al loro tavolo.
    Ultimamente, vidi ad Orbetello, Angelo, e non mancai di mandare i saluti, a sua mamma Maria.
    Tante, tante condoglianze, alla famiglia ed ai parenti.

    Francesco Sabatini, ex dipendente SIP di Orbetello

  4. Berenice e Alberto

    Ciao Maria…quanto bel tempo passato insieme…ci siamo affacciati insieme al balcone della Vita da quel magico 1978…e…da allora…abbiamo condiviso il passare delle nostre stagioni…un fortissimo abbraccio nostra Cara Amica…il Giglio non sarà più lo stesso per noi…

    Berenice e Alberto

  5. Ciao Maria ci hai lasciati troppo presto!sei stata una presenza importante per noi e per tutta l isola.Da noi in Emilia le donne come te vengono chiamate “rezdore”e reggono con le redini dell amore , della saggezza e della generosità la famiglia,i parenti,gli amici e…..la cucina
    Siamo vicini ai tuoi figli ed ai tuoi adorati nipoti.
    Francesca e Pier Giuseppe Montali

  6. Desidero partecipare ai familiari ed alla comunità Gigliese tutta, la sentita partecipazione per la scomparsa di Maria, donna dal cuore grande amica carissima, compagna di momenti felici da me trascorsi al Giglio insieme al comune amico Puny di Portofino.
    Che il cammino Le sia lieve e l’amore di tutti l’accompagni per sempre.
    Grazie Maria per tutti i gesti amorevoli che hai avuto, per la tua bontà e l’affetto che mi hai regalato e che non scorderò.

    Lino Vernazza

  7. Mario Brandaglia

    Esprimo le mie profonde condoglianze a Caterina, Angelo e a tutti i loro parenti. Maria per molti anni ha rappresentato un punto di orgoglio per Giglio Castello non soltanto per la sua professione, ma per la sua forte carica umanitaria. Buon viaggio cara Maria

  8. Mario Brandaglia

    Un abbraccio e sentite condoglianze ai figli e parenti. Con Maria perdiamo non soltanto una brava cuoca, ma un personaggio ricco di grandissima carica umana. Buon viaggio cara Maria

  9. Carlo Centurioni

    Inviamo ai cari figli Caterina, Angelo e parenti tutti le nostre più sentite condoglianze per la scomparsa della cara Maria.
    CENTURIONI CARLO

  10. Salvatore Sampugnaro

    …..Che dire ???Solamente addolorato e triste….Un’altra luce di riferimento ci lascia..R.I.P. mia CARA MARIA…..Sentite condoglianze a Tuitta la Famiglia,Caterina,Angelo cognati e nipoti…Maria era un Faro splendente continuo ,emanava una sua luce propria e spontanea con tutti Gigliesi e Turisti…Il Castello,rimane sempre più povero di riferimenti,altrettando lo sono io ,che per tantissimi anni ho conosciuto queste particolari e meravigliose …Persone,che si sono sempre prodigati per rendere il Castello accogliente e sempre festoso …Infatti è stata definita l’Isola della …DIFFERENZA ….per Ospitalità e accoglienza per sue famose cantine …canterine,generose ad accogliere tutto e Tutti…. Mia cara Maria ,sei nel mio cuore..R.I.P.Caramente Salvatore e Famiglia…

  11. Petra Zschokke

    Cara Caterina, caro Angelo

    quanti ricordi belli già negli anni 70 e 80 quando Maria stava all’ entrata del Castello! Venivamo quasi tutte le sere con Guido e Vincenzo e scappavamo quando il maresciallo dei carabinieri veniva verso mezzanotte per annunciare la chiusura dei locali. Sincere condoglianze a tutta la famiglia ed un abbraccio forte

  12. Fabio Malanima

    Addio Maria. Sento ancora il profumo delle tue torte di mela. Sentite condoglianze alla famiglia.

Lascia un commento