cartolina appunti veduta aerea vacanza isola del giglio giglionews
Cara isola ... ti ho trovata maltrattata e trascurata!

Partire è un po' morire. Se è vero che partire è un poco morire, questa volta partire è per me un po' morire per due volte. Muoio già di nostalgia, appena imbarcata, e muoio con te, cara Isola, che ti ho trovata maltrattata e trascurata, anche da chi dovrebbe custodirti con amore.

Quante ferite inferte quest’anno così strano, davanti all'insensibile indifferenza di molti: dagli schiamazzi con vandalismi sino al primo mattino, all'uso indiscriminato di ogni luogo per lasciare i propri escrementi e rifiuti; dalle scorazzate serali e notturne nelle proprietà private, alle spiagge affollate e poco pulite; dal mare meno abitato, al borgo semi-fantasma di Castello; dagli assalti quotidiani - non respinti come ai tempi dei Saraceni – di frotte di giornalieri che invadono ogni angolo di territorio, alla sentieristica poco segnalata e ancor meno valorizzata.

O caro Giglio, ti potrò ritrovare nella tua forte, naturale e isolana bellezza?

Tua affezionata
Marcella Piccinini