Pulizia fondali: rimossa la piattaforma 4

Pulizia fondali: rimossa la piattaforma 4

Nella notte tra Domenica e Lunedì appena trascorsi, nell’ambito dei lavori di ripristino dei fondali, è stata sollevata la piattaforma 4 e caricata in bettolina.

Quindi il primo lotto con le piattaforme 3-4-5 e 6 è stato completato sulla bettolina MIC2.

Sono in corso i lavori di rizzaggio (tempo permettendo), a seguito dei quali il convoglio Punta Penna-MIC2 partirà per Ortona.

Appena il tempo migliorerà sarà dato il via al taglio delle piattaforme 1 e 2, che saranno caricate sulla bettolina MIC1.

Print Friendly, PDF & Email

Controlla anche

pulizia fondali relazione quindicinale gabbianara costa concordia isola del giglio giglionews

Pulizia fondali: relazione quindicinale 16 – 31 Luglio

Pulizia fondali: relazione quindicinale 16 – 31 Luglio Pubblichiamo di seguito la relazione quindicinale, elaborata …

2 commenti

  1. Pietro Rinaldi

    Caro Luigi …… hai mai provato a sederti in mezzo ad una stanza con le pareti di gomma ed ha lanciargli contro una palla da bigliardo ??? Oppure nel vuoto dove l’eco di ritorna le parole che hai gridato a squarcia gola ??? Ebbene quello che è successo al Giglio su questo ramo della vicenda Concordia è QUALCOSA DI PIU’._ E’ un problema legato al n° dei neuroni in alcuni cervelli umani (forse troppi in questo frangente della vita Italiana) che, prima di pronunciare parole e trasformarli in atti razionali e concreti, debbono fare un percorso molto “tortuoso” ed “indefinibile” (è meglio definirli così). Saluti e cordialità

  2. L’inesorabile incedere della macchina della demolizione del Memoriale della Concordia, ha prepotentemente travolto ogni logica analisi e tesi sulla conservazione del monumento ed ogni suo successivo utilizzo da parte dell’economia Gigliese.
    False argomentazioni pseudo scientifiche argomentate da politici incompetenti, privi di alcun titolo a riguardo, promesse di indennizzi milionari alla comunità, prive anch’esse di fondamento ed andate puntualmente deluse, hanno fatto credere alla comunità isolana di poter sedere al banchetto della Costa Concordia e del Memoriale, allentando la tensione civile necessaria ad una comunità per salvaguardare i propri veri interessi, ed anche ora per chiedere con forza la conservazione, di entrambe o di una, delle piattaforme 1 e 2.
    Ora, sedata la bramosia di denaro dei soggetti coinvolti, sarebbe opportuno mobilitarsi per salvare almeno i pali di innesto dei jacket.
    Potrebbero servire per l’istallazione di opere artistiche/monumentali e di basi per la ricerca scientifica ed il monitoraggio sul ripristino del fondale, come qualche sostenitore della demolizione suggeriva in alternativa al Memoriale vero e proprio.

Lascia un commento