Il riposo dei Guerrieri

Il riposo dei Guerrieri

E’ un percorso lungo, sia in chilometri che di visita: andare al museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria per vedere i “Bronzi di Riace” per una che parte dal Giglio…ce ne vole! e “ce ne vole” anche nel lento cammino, una volta entrati nel grande androne che porta ai settori dove, palmo a palmo, passo dopo passo, entri nella storia dell’umanità attraverso le età dei metalli, passare ai santuari nelle città della Magna Grecia, indi, seguire la vita quotidiana, i costumi funerari.

Di secolo in secolo, di era in era, si arriva al settore -D-, là, un custode invita a formare un grande gruppo da far entrare in una saletta ovattata dove, a porte chiuse si accende un segnale: “filtro attivo in funzione” . Con tale sistema veniamo -spolverati- dagli agenti inquinanti esterni. Mi assale un senso di disagio; per un attimo, meno di un attimo, mi viene in mente la scena cruciale di tanti film visti sulle Shoah… Ma l’inquietudine di quell’attimo si trasforma in emozione pura appena le porte automatiche si spalancano mostrando due figure imponenti sui loro piedistalli, subito circondate da tutti noi che scattiamo. Ammirando.

C’è uno strano silenzio.

Il cuore aumenta i suoi battiti e gli occhi diventano lucidi; perché tanta emozione? I Bronzi, i Guerrieri, sono là quasi eterni con le loro orbite vuote a scandire un tempo non vissuto di cui si sente l’anima. Il nostro silenzio è la voce narrante emersa dal mare che coprì per secoli e secoli una storia. Meravigliosi emblemi di civiltà lontane e questo silenzio, ovattato dal brusio dei presenti mi richiama il vento della campagna gigliese di un pomeriggio in cui mi trovai faccia a faccia con i racconti sussurrati dai Palmenti nascosti dalla natura selvaggia; ruderi antichi che davano la vita all’Uomo attraverso la coltivazione della vite, lasciati in eredità dagli “Uomini Silenziosi del trapassato remoto” e che oggi, ci è dato di ammirare in tutta l’umana bellezza storica, proprio come i Bronzi-guerrieri di Riace.

Palma Silvestri

Print Friendly, PDF & Email

Controlla anche

cordone ombelicale wilma baffigi isola del giglio giglionews palma silvestri

“Sei il mio cordone ombelicale con il Giglio”

“Sei il mio cordone ombelicale con il Giglio” La frase avvolgeva la mia figura lasciandomi …

Lascia un commento