celebrazioni 4 novembre isola del giglio giglionews

Celebrazioni 4 Novembre: programma della giornata

stemma comune isola del giglio giglionews

Comune di Isola del Giglio

PROGRAMMA DELLE CELEBRAZIONI PER IL 4 NOVEMBRE
Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate
CENTENARIO PRIMA GUERRA MONDIALE 1915/1918

Giglio Porto

ore 9:30
Santa Messa celebrata da Don Lorenzo Pasquotti
ore 10:00
Cerimonia davanti alle lapidi delle due guerre
Benedizione del monumento ai caduti
Lettura nomi caduti delle guerre a cura ANMI
Discorso del Sindaco Sergio Ortelli
Esibizione musicale della Banda “Enea Brizzi”

Giglio Castello

ore 11:00
Santa Messa celebrata da Don Lido Lodolini
ore 11:45
Deposizione corona lapide sotto il Municipio
Cerimonia in piazza Gloriosa
Sistemazione corona e benedizione sotto il monumento ai caduti
Lettura nomi caduti delle guerre a cura ANMI
Discorso del Sindaco Sergio Ortelli
Esibizione musicale della Banda “Enea Brizzi”

Saranno presenti le Autorità civili e militari, il gruppo Marinai d’Italia “Solari Libero”, la Confraternita di Misericordia “Stella Maris”, la banda Musicale “Enea Brizzi” e, compatibilmente con la giornata domenicale, gli alunni delle due scuole.

ATTENZIONE: per l’occasione è istituito un divieto di transito e sosta in piazza Gloriosa a Giglio Castello per consentire lo svolgimento in sicurezza della manifestazione.

Print Friendly, PDF & Email

Controlla anche

emergenza regione toscana ortelli rossi isola del giglio giglionews

Maltempo: la Regione dichiara lo stato di emergenza

Maltempo: la Regione dichiara lo stato di emergenza Per i danni causati dall’ultima ondata di …

2 commenti

  1. Gian Piero Calchetti

    Bravo Angelo! E’ cosi’ che si fa e si dovrebbe fare!!! cari saluti a Barbara!!!

  2. Angelo Stefanini

    Colgo l’occasione per ricordare coloro che risultavano iscritti alla sezione di Isola del Giglio dell’Associazione Nazionale Combattenti e Reduci nel periodo in cui mio babbo prima ed io poi, ho avuto il piacere di presiederla. Ci vedevamo in forma per così dire “ufficiale” una volta all’anno, poco prima delle festività natalizie, quando gli portavo un pacco natalizio appunto, acquistato con il contributo fornito dalla sezione provinciale di Grosseto. E pure ogni volta l’espressione era di stupore e gratitudine come a voler dire “c’è ancora qualcuno (non io chiaro) che si ricorda di me e di quello che, a vario titolo, ho fatto per il mio Paese”. Enrico Schiaffino (del Trenino al Campese), Giuseppe Monti (Pino lo scalpellino), Giuseppe Stagno (Beppe di Bugia), Ilio Landini (babbo di Mario e Piero), Luigi Baffigi (Gigetto) e Ottavio Stefanini. Vi ricordo tutti con affetto e gratitudine per le storie che mi avete raccontato.
    Angelo Stefanini

Lascia un commento