laboratorio energie rinnovabili marine isole minori isola del giglio giglionews

Energie rinnovabili marine: incontro regionale al Giglio

Isola del Giglio modello di sviluppo sostenibile con l’utilizzo delle energie rinnovabili marine

Martedì 26 febbraio a Giglio Castello incontro del “Blue Energy Lab”, per sviluppare progetti di utilizzo delle energie marine nel rispetto dell’ambiente e delle comunità

Promuovere la crescita del settore dell’Energia che proviene dal mare, o Energia Blu, potrebbe essere fondamentale e strategico per le isole italiane, e ad oggi appare sempre più possibile e reale. L’Isola del Giglio si presta ad essere un modello di sviluppo sostenibile in materia di energie rinnovabili marine: martedì 26 Febbraio a partire dalle ore 12 a Giglio Castello (Sala dei Lombi) l’Isola ospiterà il secondo incontro regionale del progetto MAESTRALE coordinato dall’Università degli Studi di Siena – dipartimento Scienze Fisiche, della Terra e dell’Ambiente.

L’obiettivo dell’evento è di porre le basi per una strategia di sviluppo dell’energia marina nell’area mediterranea preservandone il valore ambientale e culturale, e al tempo stesso rilanciare lo sviluppo delle energie rinnovabili sull’isola, così come previsto dal protocollo d’intesa firmato dall’Amministrazione Comunale con la Regione Toscana nel 2015.

L’incontro organizzato dall’Università di Siena e dall’Amministrazione comunale del Sindaco Sergio Ortelli vede tra i partecipanti i referenti di Acquedotto del Fiora, Sie srl, Terna Plus, Università La Sapienza, Università di Firenze e Parco dell’Arcipelago Toscano.

Dopo un sopralluogo del territorio per valutare quali zone potrebbero essere più adatte ad ospitare tecnologie rinnovabili marine, a partire dalle 14:30, presso la Sala dei Lombi, si terrà l’intervento del professor Simone Bastianoni dell’Università di Siena, che illustrerà il progetto MAESTRALE evidenziando come il Giglio potrebbe diventare un modello di sviluppo sostenibile implementando tecnologie innovative per lo sfruttamento delle energie marine. Seguiranno momenti di discussione e di collaborazione per creare una prima bozza di intenti

Incontri come questo – chiamati “Blue Energy Lab” – si stanno svolgendo nelle 10 differenti regioni degli 8 Paesi dell’area Mediterranea che partecipano al progetto MAESTRALE, con il fine di scambiare conoscenze, pratiche ed esperienze per sviluppare il settore dell’Energia Blu nel rispetto dell’ambiente e delle comunità. Ogni laboratorio elaborerà uno studio di fattibilità di due progetti pilota di impianti alimentati a energie blu in ogni regione. Ogni studio di fattibilità fornirà dati sulle condizioni necessarie affinché l’impianto funzioni considerando i piani economici, i mezzi tecnologici richiesti, il grado di sostenibilità ambientale e di accettazione da parte della società civile, coinvolgendo nella sua elaborazione amministratori, aziende e gruppi di cittadini.

Print Friendly, PDF & Email

Controlla anche

giudici popolari suolo pubblico rifiuti tari bando idee limitazione sbarco pacchetto scuola raccolta rifiuti impatto zero comune isola del giglio consiglio comunale giglionews

Albo giudici popolari: possibilità di iscrizione fino al 31 Luglio

AGGIORNAMENTO ALBI GIUDICI POPOLARI PER LA CORTE D’ASSISE E PER LA CORTE D’ASSISE DI APPELLO …

3 commenti

  1. Mi raccomando, accanto all’egregio prof Bastianoni docente dell’università di Siena, mettere un interprete gigliese docente della storia del Giglio della terra, delle coste e dei gigliesi, così da equiparare ciò che poi diverrà concretezza negli anni a venire in nome del mantenimento dell’amb naturale e dell’ecologia. Grazie

  2. Ricordo una delle mie passeggiate per raggiungere la cala dell’allume una ventina di anni fa, quando erano in bella mostra un piccolo parco di pannelli solari ed una torre con un aerogeneratore (entrambe per produrre energia elettrica) e si raccontava che erano progetti pilota dell’ENEA (Ente Nazionale per le Energie Alternative). FINIRONO IN MALORA abbandonati dopo pochi anni.
    Anche in quella occasione si parlava di piani economici, di mezzi tecnologici richiesti, del grado di sostenibilità ambientale e di accettazione da parte della società civile, coinvolgendo nella sua elaborazione amministratori, aziende e gruppi di cittadini.
    Per cortesia adesso NON FATEVI VENIRE IDEE CHE POSSONO COINVOLGERE ANCHE UN MINIMO DI COSTA E IL MARE GIGLIESE, lasciate perdere, per favore, l’unica risorsa importante del nostro Amato Scoglio.
    Riprovate SERIAMENTE a realizzare “magari”nello stesso posto che menzionavo, un aerogeneratore di nuova generazione e una bella platea (nascosta nella vallata) con pannelli fotovoltaici per produrre energia elettrica.

  3. Bla…bla…bla…bla….Promuovere, Coordinare, “rilanciare lo sviluppo delle energie rinnovabili sull’isola” ma perchè era già partito??????? bla…bla…bla…
    Detto alla Totò ” Ma mi faccia il piacere”

Lascia un commento