sergio ortelli sindaco del comune di isola del giglio

Segnalazioni Arenella: il Sindaco risponde

Segnalazioni Arenella: il Sindaco risponde

Egregio Sig. Biondi Giacomo.

Mi riferisco al suo testo “Località Arenella: segnalazioni al Sindaco” pubblicato ieri sul redazionale Giglio News. Premetto di non averla notata tra il pubblico durante il primo Consiglio comunale ovvero il consiglio di insediamento. Perché in quel contesto avrebbe potuto assistere direttamente a quanto ho dichiarato. Spero le abbiano riferito correttamente le mie parole, di forte auspicio, sul destino del mandato appena iniziato. Ho detto di non avere mai smesso di ascoltare i cittadini ma di aspettarmi la loro piena collaborazione. Mi riferisco non solo alle segnalazioni che mi pervengono, a decine al giorno, ma anche dei comportamenti di ognuno di noi che potranno senza ombra di dubbio contribuire alla crescita del nostro paese. Spesso leggo suggerimenti come se il Sindaco fosse un imputato e invece è un semplice lavoratore/servitore a disposizione della collettività come ho avuto modo di ribadire in pieno consiglio comunale.

Detto questo, Le rispondo come vede, a stretto giro di posta, sulle questioni da Lei segnalate.

Strada:
Le ingenti piogge di questo ultimo mese non ha ancora consentito alla ditta appaltatrice (fino a 10 anni fa non c’era neanche il servizio se non a semplice chiamata) di intervenire in modo risolutivo su tutto il territorio. Solitamente programmiamo l’intervento nella seconda metà di giugno affinché il lavoro possa bastare per tutta l’estate. La Polizia Municipale e l’UTC, ma anche io stesso, conoscono la problematica per cui comprendiamo la necessità di un intervento urgente. In questi giorni l’ufficio ha già un contatto con la ditta per la programmazione degli interventi.

Ponte:
Faccia attenzione a mettere in giro notizie non vere (“Unico ponte al Giglio, peccato che sia in pericolo e non salvaguardato”) perché, senza riscontri, possono generare falsi allarmi e preoccupazione infondate. Nei mesi scorsi è stato eseguito un sopralluogo da parte di un ingegnere abilitato che ha fatto verifiche strutturali e che sta lavorando per gli interventi di manutenzione. Ma non c’è pericolo di nessuna natura.

Illuminazione:
La strada che porta all’Arenella è una tipologia extraurbana e pertanto non vige l’obbligo della pubblica illuminazione. Stesso discorso viene ribadito per le Cannelle, per la via del Corvo, per la via di Scopeto, ecc. Poi nella vita si può fare tutto ma le parole spesso non trovano riscontro nei fatti. Altro discorso va fatto per il nucleo abitato dell’Arenella. L’Amministrazione ha ideato un progetto “Tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare” ovvero molti dei problemi sono di natura procedurale, ridotte unità di personale, ridotte risorse economiche ma credo che un giorno, non so dirle quando, potrà diventare realtà.

Fognature:
La gestione del S.I.I. è affidata all’Acquedotto del Fiora dal 1° gennai 2002. In tutti questi anni più volte abbiamo chiesto al Gestore Unico uno studio per la realizzazione di un sistema fognario pubblico per asservire le case dell’Arenella. Come Lei ben saprà il sistema fognario è affidato per legge ad una azienda che dipende dall’AIT ovvero l’Autorità Idrica Toscana, un ente rappresentativo di tutti i comuni toscani che ha il compito di programmare, organizzare e controllare l’attività del Fiora all’interno del servizio idrico integrato. Non conosco le previsioni del Fiora sulla località Arenella ma c’è bisogno di una volontà specifica a spendere e realizzare un’opera così importante e di questi tempi non è cosa facile. Devo però rilevare un aspetto. All’epoca delle costruzioni del nucleo abitato dell’Arenella nessuno si preoccupò di realizzare le tanto auspicate opere di urbanizzazione e tra queste c’è senz’altro la rete fognaria. Mi viene il dubbio che qualcuno, pubblico e/o privato, abbia sottovalutato questo aspetto che oggi viene sollecitato all’Amministrazione attuale. Prima di qualsiasi decisione andrà verificato questa importante questione da non sottovalutare nel rilevamento delle rispettive responsabilità.

Spiaggia:
Chi amministra normalmente non fa lo spiritoso ma opera per la collettività, piaccia o non piaccia. Lei che è stato candidato nella lista antagonista lo dovrebbe sapere. Quindi mi astengo dal rispondere alle gratuite allusioni che ha tentato di fare. Per quanto concerne la spiaggia dell’Arenella esiste un progetto di ripascimento che è stato approntato a seguito della calamità dell’ottobre scorso. Si tratta di un progetto complesso e articolato per i pareri e per le autorizzazioni necessarie a operare. Nei limiti del possibile il ripascimento avverrà perché già previsto nella progettazione sottoposta alla Regione Toscana.

Print Friendly, PDF & Email

Controlla anche

direttivo ancim isola del giglio giglionews

Il Direttivo ANCIM elegge Ortelli vicepresidente

Il Direttivo ANCIM elegge Ortelli vicepresidente Si è svolto ieri a Roma il Consiglio Direttivo …

Un commento

  1. Giacomo Biondi

    Egregio Sig. Sindaco Sergio Ortelli,
    è vero che non ero presente al Consiglio Comunale del 8 Giugno 2019, non ho chiesto niente a nessuno e quindi nessuno mi ha riferito quanto Lei avrà detto.
    Quando questo giornale in data 06/06/2019 pubblica la nomina della Giunta, Lei nel suo articolo scrive: ma verrà chiesto a tutti i cittadini di collaborare, associazioni, imprese e cittadini, con suggerimenti e proposte ma anche con critiche perché solo cosi sarà possibile raggiungere gli obbiettivi che ci siamo dati. Ecco con questa ultima frase un suo cittadino si è presentato esponendo problemi, suggerimenti e critiche, ma leggo tra le righe che Lei forse con le mie critiche se la sia un po’ presa. Se forse i cittadini venissero aggiornati più frequentemente sugli sviluppi dei lavori Comunali, ed io fossi venuto a conoscenza che è in atto un programma di lavoro sia della strada che del ponte, certamente non sarei venuto qui a dover fare queste segnalazioni. Capisco anche che diventerebbe un lavoro immane a dover aggiornare i cittadini su tutte le virgole.

    Per quanto riguarda l’illuminazione purtroppo qui La devo contraddire.
    La strada è considerata extraurbana e mi sta bene, faccio presente che la stessa partendo da Monticello vi troviamo ben quattro lampioni, installati dopo diversi anni dalla costruzione delle ultime case zona 167 presumo, ma potrei sbagliare con il numero; uno posizionato all’incrocio della vecchia strada che va al Porto, un altro vicino al pino totalmente secco, (a tal proposito, vorrei portare alla sua attenzione questa pianta dato che si trova al margine della strada, potrebbe essere un pericolo con il forte vento si potrebbero spezzare i rami e colpire qualche malcapitato che passeggia o transita con qualsiasi mezzo, quindi andrebbe tagliato). Proseguiamo ancora e troviamo gli altri due. Allora forse su una strada extraurbana si può fare l’illuminazione pubblica avendo già un precedente! Che poi ne basterebbero tre o quattro in prossimità dell’Albergo.
    Inoltre sono curioso di sapere che tipo di progetto è stato riservato dall’Amministrazione per quanto riguarda il nucleo abitativo dell’Arenella, se ho capito bene.

    Per quanto riguarda le fognature, io nei miei scritti pubblicati su questo giornale negli anni passati e l’ultimo nel 2014, ho sempre segnalato tutte le problematiche di cui oggi stiamo parlando, e quindi non solo a questa Amministrazione appena insediata.

    Per la spiaggia, sono già a conoscenza delle procedure da parte della Regione anche sulla semplificazione delle pratiche e tempi da rispettare da parte dei Comuni per le presentazioni progettuali.
    Vorrei ancora una volta segnalarLe che la consegna della posta ordinaria ultimamente non viene consegnata, ma solo raccomandate, assicurate e tutto ciò che deve essere firmato, a tutt’oggi personalmente mi deve ancora arrivare una Riba con scadenza 31 maggio. Presumo che con l’orario ridotto che ha il portalettere, abbiamo seri problemi. Gradirei gentilmente si potesse occupare di tale disservizio che ne colpisce tutta la comunità Gigliese. A meno che Lei non si stia già occupando.

    Le auguro in questi cinque anni buon lavoro, sperando positivamente nell’evoluzione degli eventi.
    Lei non mi ha salutato nella sua risposta, ma io lo faccio.

    Distinti saluti
    Cav. Uff. Giacomo Biondi

Lascia un commento